Mosca mobilita i riservisti

Lettura 1 min

 La leadership politico-militare della Federazione Russa ha iniziato a mobilitare segretamente i riservisti per formare ulteriori unità militari negli stati in tempo reale, in sovrannumero rispetto a quante se ne potrebbero creare basandosi solo sulla coscrizione “consueta” in tempo di pace, secondo il servizio stampa dello Stato maggiore delle forze armate ucraine. “La leadership politico-militare della Federazione Russa ha avviato misure per mobilitare di nascosto i riservisti al fine di creare unità militari negli stati della Federazione in tempo di guerra. Nella selezione dei candidati, la preferenza è data a coloro che hanno già esperienza di combattimento. Regioni per la mobilitazione: Krasnodar, Perm, le Repubbliche del Daghestan, Inguscezia, Calmucchia” si legge in una nota. Nel comunicato, viene fatto notare che il principale fattore motivante per i riservisti rimangono gli incentivi finanziari. “Inoltre – sostengono le autorità militari di Kiev – la popolazione russa ritiene che i partecipanti alla guerra con l’Ucraina possano migliorare la propria situazione finanziaria attraverso i cosiddetti “trofei”, ovvero rapine e saccheggi”. Secondo lo stato maggiore ucraino, il Cremlino prevede di attirare circa sessantamila combattenti attraverso questa ulteriore mobilitazione.

Servizio Precedente

Tribunale Aia: Entro fine anno possibile mandato di cattura per Putin e i suoi generali

Prossimo Servizio

Fossa comune a Bucha si vede dal satellite e risale al 10 marzo

Ultime notizie su GUERRA IN EUROPA