Bossi fuori dal Parlamento? Non c’è il suo nome nella lista degli eletti del Viminale. Ripescato se Comaroli opta per Piemonte? Decisione in mano a Salvini

Lettura 1 min

Sono 23 i candidati della Lega eletti nella quota proporzionale dei 114 spettanti al centrodestra. Nell’elenco pubblicato sul sito del ministero dell’Interno non figura il nome di Umberto BOSSI. Nel primo collegio plurinominale della Circoscrizione Lombardia 2 dove il Senatur era candidato come capolista, il Carroccio non ha infatti ottenuto alcun seggio e uno solo è andato alla coalizione, attribuito a Fratelli d’Italia, sempre secondo quanto risulta dal sito del Viminale. Dopo nove legislature consecutive, a partire dal 1987, BOSSI lascerebbe quindi il Parlamento, riporta Adnkronos.

 “E’ il famoso ‘flipper, mi sembra strano per i numeri di rappresentanza, ma dobbiamo verificare”, dice contattato telefonicamente dall’ANSA l’onorevole Fabrizio Cecchetti, capogruppo lombardo della Lega. “Di ufficiale non c’e’ nulla” , aggiunge spiegando che bisognera’ aspettare gli ultimi conteggi.

Nel collegio Lombardia 2, che comprende Varese, risulta eletta al plurinominale per
il centrodestra solo Lucrezia Mantovani di Fratelli d’Italia.
BOSSI, secondo quanto apprende Agi, potrebbe essere ripescato perche’ la leghista Silvana Comaroli risulta eletta sia a Lombardia 4 sia a Piemonte 1. Se Comaroli optasse per il Piemonte, si potrebbe aprire la strada di BOSSI verso Montecitorio. La decisione, secondo quanto si apprende, sarebbe nelle mani di Matteo Salvini.

Servizio Precedente

Reguzzoni: Dalle urne esce netta la contrapposizione Nord-Sud. Che errore pensare politicamente ancora a destra-sinistra

Prossimo Servizio

La lettera: Elezioni politiche 2022, Nord al capolinea. Forse, è ora di tornare a parlare seriamente di Padania

Ultime notizie su Elezioni