Quel voto ad Anguillara Veneta sulla cittadinanza onoraria a Bolsonaro

Lettura 2 min

di Cassandra -Il dado è tratto. In segno della vicinanza tra i popoli. In virtù di questo principio alle 18 il Consiglio comunale di Aguillara Veneta sigillerà un nuovo regolamento sul conferimento della cittadinanza onoraria per conferire la cittadinanza al presidente del Brasile Jair Bolsonaro. Poteva non sollevare polemiche e reazioni la scelta dell’amministrazione? La politica veneta si divide. Il Pd da una parte grida allo scandalo mentre il consigliere regionale zaiano Luciano Sandonà non avrebbe nulla in contrario. E fa sapere alla Dire l’associazione Ven-Brasil:
“L’associazione Ven-Brasil, riferimento per i brasiliani, gli italo-brasiliani e gli appassionati di Brasile a Padova e in tutto il Veneto, saluta con rinnovato piacere un ulteriore gesto di vicinanza tra i popoli italiano e brasiliano che hanno moltissime cose in comune tra cui, evidentemente, milioni di cittadini e discendenti italiani in Brasile e migliaia e migliaia di brasiliani e italo-brasiliani solidamente e felicemente trapiantati in Italia”. E di più: “Leggiamo l’affettuoso riconoscimento della cittadinanza onoraria da parte del Comune di Anguillara Veneta al presidente della Repubblica Federale del Brasile come segno di vicinanza, condivisione, collaborazione e cooperazione tra I nostri popoli, sempre guardando all’accoglienza e al mutuo aiuto anche in questa difficile congiuntura socio-economica e sanitaria”, aggiunge l’associazione.

Da cosa sarebbe scaturita la decisione?  Dal trisnonno di Jair Bolsonaro, nativo di Anguillara.

Ne ha da vendere di strali invece Vanessa Camani, vicecapogruppo del Pd in consiglio regionale. “Fa rabbrividire la proposta della sindaca di Anguillara Veneta di conferire la cittadinanza onoraria a Bolsonaro, un razzista, misogino e anche negazionista“.

Nella tempistica Anguillara passerà negli annali dei record. Davvero Anguillara ha bisogno di Bolsonaro come modello? Non ci sono altri veneti nel mondo che senza ius soli a distanza possono trovare spazio con la loro foto e cornice nei corridoi dei cittadini onorari del Comune, senza scomodare le alte sfere? I presidenti passano, l’onore pure.

Foto di Matheus Câmara da Silva

Servizio Precedente

Pillola anti Covid, Ema avvia verifiche

Prossimo Servizio

La "bottega" dell'indipendenza. Apre l'ufficio di Puigdemont: "Combattiamo con tutti gli strumenti"

Ultime notizie su Cultura