Nasce Mistipè, il Partito per l’autodeterminazione di Rom e Sinti

Lettura 7 min

Si chiama “Mistipè”, che in romaní significa rispetto e solidarieta’, il neonato partito nazionale rom e sinti. Le fondatrici, attiviste delle comunita’ rom e sinti abruzzesi e molisane, sono tutte donne: Giulia Di Rocco, assistente legale di Pratola Peligna (L’Aquila), e’ la presidente; Virginia Morello e’ la vice; mentre la stilista molisana Concetta Sarachella e’ il tesoriere. Il segretario, invece, e’ Anthony Guarnieri, studente.

“Per noi era importante che il direttivo fosse composto tutto da persone rom o sinte – spiega Di Rocco -. Poi, naturalmente, il partito e’ aperto a tutti coloro che vivono e condividono le nostre battaglie. Io, Virginia e Concetta siamo attiviste da oltre 15 anni e l’idea di fondare un partito risale a due anni fa. Nell’ultimo periodo, infatti, abbiamo capito che non si tratta piu’ solo di un problema sociale o culturale – oggi si sa moltissimo del mondo rom, delle nostre tradizioni -, ma di qualcosa di piu’ profondo. Perche’ noi, nonostante tutti i nostri sforzi, abbiamo ancora tante difficolta’ a integrarci e continuiamo a essere vittime di gravi discriminazioni. Provate a immaginare: donne e rom. Non e’ facile convivere con questi atteggiamenti. E abbiamo capito che l’unico modo per cambiare radicalmente le cose e’ chiedere alla politica: per questo abbiamo scelto di intraprendere questa avventura”. Il simbolo del partito e’ una ruota rossa su sfondo verde e azzurro, ispirato alla bandiera del popolo rom, mentre la firma sull’atto di fondazione del partito e’ stata messa a Lanciano dove, nel 2018, e’ stata inaugurato il primo monumento italiano (il secondo in Europa dopo Berlino, ndr) in memoria dello sterminio di rom e sinti tra 1935 e 1945. Come spiega Di Rocco, i rom, su quelle terre, ci sono dal 1300.

“Nel corso degli anni sono tante le persone di origine rom o sinta che hanno intrapreso la carriera politica. Ci sono consiglieri comunali, come a Sulmona e Avezzano, ma non ci sono rom nelle istituzioni regionali o nazionali. Questo ci addolora molto, perche’ vedere persone della stessa etnia ricoprire ruoli importanti puo’ essere uno stimolo in piu’ per i ragazzi – e le ragazze, soprattutto – delle nostre comunita'”.

Uno degli obiettivi principali di Mistipe’ e’ proprio un seggio in Parlamento: “Non ci interessano ne’ le elezioni comunali ne’ le regionali: vogliamo rappresentare tutti i 180 mila rom e sinti che vivono sul territorio italiano, senza distinzioni”. Tra i punti del programma, il riconoscimento dell’etnia rom come minoranza (la legge n. 482 del 1999 riconosce ufficialmente tutte le minoranze presenti sul territorio italiano, ad eccezione di quella rom e sinta, in contrasto con l’articolo 6 della Costituzione italiana: “La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche”, ndr): “Lo Stato non riconosce la mia etnia, ma io vengo discriminata perche’ rom. Evidentemente c’e’ un problema – denuncia Di Rocco -. Inizialmente, come cittadina italiana non mi entusiasmava l’idea di essere riconosciuta come minoranza, ma nel tempo ho compreso che l’unico modo per salvaguardare il mio essere rom e’ essere riconosciuta in quanto tale”.

Altro punto chiave, la parita’ tra uomo e donna: “Anche le nostre comunita’, talvolta, ci discriminano in quanto donne. Ma noi vogliamo cambiare le cose: vogliamo dimostrare a tutti che anche tra le donne rom ci sono laureate, diplomate, realizzate professionalmente. E vogliamo dire alle donne rom che vivono in una condizione di patriarcato che esistono alternative al matrimonio. Ci sono uomini rom che contestano la nostra idea, che si dichiarano contro il nostro partito: questo perche’ ci vedono come un pericolo per le loro donne. Ma noi andiamo avanti a testa alta: basta con le discriminazioni, basta con il razzismo, basta con la paura del ‘diverso’, qualsiasi cosa significhi. Siamo nel 2021, e’ ora di cambiare le cose”.

Ancora, Mistipe’ nasce per promuovere un’inclusione sociale e scolastica seria e mirata: “Dobbiamo combattere l’odio che tante persone provano nei confronti della nostra etnia. Su questo punto anche i giornali hanno una responsabilita’, quando titolano: ‘Giovane rom autore del reato X’. Perche’ specificare l’etnia? Il reato e’ personale, non si puo’ colpevolizzare una comunita'”. Prima di fondare un partito nuovo e’ stata valutata l’ipotesi del confronto con altri partiti gia’ esistenti? “Naturalmente ci sentiamo piu’ vicini ad alcuni partiti che ad altri. Ma siamo convinti della necessita’ di autodeterminarci: perche’ dobbiamo lasciare le nostre battaglie in mano ad altri? Non possiamo piu’ aspettare. Vogliamo metterci la faccia, lavorare concretamente e sodo: in altri paesi europei le politiche per l’integrazione del popolo rom e sinto hanno dato ottimi risultati. In Spagna, per esempio, non c’e’ un rom che non lavori – se non per scelta – o non vada a scuola. Se ha funzionato per altri paesi, perche’ non farlo anche qui?”.

Convinto della necessita’ di autodeterminazione del popolo rom e sinto e’ anche Gennaro Spinelli, presidente dallo scorso giugno di Ucri, l’Unione delle comunita’ romanes in Italia: Spinelli e’ succeduto proprio a Scarchella e, nel suo direttivo, la posizione di segretaria e’ ricoperta da Di Rocco. “Ucri e’ assolutamente apolitico e partitico, ha una visione piu’ culturale e meno politica, che e’ invece la vocazione di Mistipe’. Non siamo legati in alcun modo ma, se Mistipe’ ci contattera’ e noi riterremo valide le proposte in oggetto, garantiremo il nostro appoggio. Ovviamente condividiamo valori come l’antiziganismo e il contrasto a tutti i razzismi. Siamo felici che persone rom e sinte decidano di impegnarsi in prima persona, scendano in campo per i propri diritti. Poi e’ chiaro, e’ condizione imprescindibile che il partito sia aperto a tutti, non solo a rom e sinti: come Ucri siamo contrari a qualsiasi ghettizzazione”.

(fonte: redattoresociale.it)

Servizio Precedente

Biden mette il turbo sino al 2022: due anni da presidente, e poi?

Prossimo Servizio

Oipa: accogliere clochard con i loro cani. Caritas: decidono Comune e Asl

Ultime notizie su Cultura