Oipa: accogliere clochard con i loro cani. Caritas: decidono Comune e Asl

Lettura 1 min

 “L’appello lanciato da Oipa Roma e’ lodevole. Tuttavia, come ribadito in piu’ circostanze, non spetta ai centri di accoglienza autorizzare le persone senza dimora a introdurre negli spazi comuni gli animali da compagnia. Deve essere, infatti, il Comune di Roma, previa autorizzazione delle Asl competenti, a concedere questa possibilità”. Lo fa sapere la Caritas di Roma parlando con l’agenzia Dire. Il 18 gennaio Oipa, organizzazione internazionale protezione animali, ha divulgato un appello-proposta rivolto ai centri di accoglienza sia laici che cattolici per “accogliere le persone senza dimora con i propri animali da compagnia, dando loro la possibilità di usufruire sia delle mense che dei dormitori senza separarsi dai cani”.

Servizio Precedente

Nasce Mistipè, il Partito per l'autodeterminazione di Rom e Sinti

Prossimo Servizio

Consiglio di Stato approva cattura e reclusione orso Papillon. "E' contro benessere, ignorata relazione Carabinieri"

Ultime notizie su Lo Zoo