Votazioni USA per posta. Trump: “possibilità di truffa e manipolazioni”

/
Lettura 1 min

di Riccardo Rocchesso – Sono molte le preoccupazioni da parte dello staff di Donald Trump sulla proposta di 24 stati americani, tra cui quello di Washington D.C., di poter svolgere l’elezione per posta e non nei seggi, la modalità no-excuse absentee Ballot, ovvero la votazione da casa a causa di problemi di deambulazione principalmente. Molto gettonata in tempi di Covid.

Un voto espresso da qualcuno che non è in grado o non è disposto a partecipare al seggio elettorale ufficiale al quale è normalmente assegnato il votante. I metodi che sono stati ideati per facilitare ciò includono la votazione in un luogo diverso, il voto postale e il voto online.

E con il rischio Covid, sono moltissimi quelli del partito democratico a volerlo, insospettendo Trump ed il suo team sulla possibilità di truffa e manipolazioni.

Molti i giornali americani che inoltre accusano Trump di trovare e additare scuse per non riconoscere il voto a Novembre in quanto contrario a questa tipologia di voto.

Si preparano mesi molto accesi fino alle votazioni.

Servizio Precedente

Sanità veneta. Non va tutto bene. Rivolta contro i tagli di Zaia: 1 posto letto ogni 1000 abitanti negli ospedali di Padova Sud

Prossimo Servizio

Scottish National Party: nessuna vittima per Covid da 3 giorni. Indipendenza la miglior cura?

Ultime notizie su Cronaca