Patto trasversale tra parlamentari per il Ponte sullo Stretto

Lettura 3 min

“Abbiamo aspettato troppo tempo, e’ il momento di iniziare i lavori perche’ vogliamo che il Sud esca dal sottosviluppo, abbiamo bisogno di rafforzare i nostri territori e portare il Sud in un contesto europeo. Il Ponte e’ necessario e questo patto lo vogliamo consegnare a Draghi, a testimonianza della piena fiducia che abbiamo in lui”. Cosi’ il senatore di Forza Italia, Marco Siclari, nel corso della conferenza stampa in Senato per presentare il “Patto del Ponte” firmato da parlamentari del Sud di ogni schieramento politico lo scorso 7 maggio a Villa San Giovanni. “Ringrazio i colleghi di tutti i partiti che hanno voluto mettere al centro l’interesse dei cittadini. Si deve iniziare entro la fine della legislatura perche’ 1,1 miliardi per dire no il nostro paese non se lo puo’ permettere”, ha aggiunto. 

“Il Ponte non unisce due regioni ma l’Europa con il Mediterraneo, e’ un’opera di rilevanza europea. C’e’ un dato che reiteratamente sottolineo sui costi dell’insularita’ che per la Sicilia e’ di 6,5 miliardi di euro l’anno, e’ come se la Sicilia avesse avuto una pandemia ogni anno e questa situazione va assolutamente risolta. Abbiamo gia’ preannunciato che non daremo intesa che approva il fondo complementare se non contemplera’ anche il Ponte. Ora o mai piu’, il Ponte o lo si realizza ora o mai piu’ ed e’ per questo che siamo qui combattivi e determinati”, ha sottolineato Gaetano Armao, assessore all’economia Regione Sicilia, nel corso della conferenza. 

resente, tra gli altri, anche il presidente Regione Calabria Nino Spirli’, che nel sottolineare l’importanza dell’ampia rappresentanza parlamentare nella firma di questo documento, ha ricordato come “non si tratta di un ponte tra due piccole regioni del Sud italiano, ma si tratta di un ponte che collega i primi territori d’Europa dal mondo nuovo. E’ l’Asia oggi che guida il futuro del mondo e che si impone sui territori del vecchio Occidente e ci sara’ l’Africa che e’ in forte fermento, per cui nei prossimi decenni saranno questi due continenti che o passeranno attraverso Sud o attraverso il Mediterraneo, ovvero l’ingresso della casa Europa che non puo’ essere scollegato. Non possiamo perdere questa occasione – ha ribadito – non e’ concepibile e sarebbe una delle piu’ grandi sconfitte per l’Italia. Questo e’ il tempo delle poche chiacchiere e dei fatti tangibili che passano attraverso progetti precisi. Non possiamo perdere tempo, il progetto c’e’ e esiste c’e’ solo da girare la chiave e partire”.

Servizio Precedente

Catalogna, indipendentisti trattano per evitare il voto

Prossimo Servizio

Draghi sbaracca dopo un secolo la baraccopoli di Messina: costo 100 milioni

Ultime notizie su Cronaca