Pane e grano a peso d’oro: più 53% dopo un mese di guerra

Lettura 1 min

Il prezzo del grano per il pane e’ balzato del 53% dopo un mese di guerra in Ucraina, ma ad aumentare del 30% e’ stata anche la soia e il mais dell’11%. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sulla base delle quotazioni alla borsa merci di Chicago, punto di riferimento mondiale del commercio dei prodotti agricoli. A pesare, sottolinea la Coldiretti, e’ la chiusura dei porti sul Mar Nero che impediscono le spedizioni e creano carenza sul mercato mondiale, dove Russia e Ucraina insieme rappresentano il 28% degli scambi di grano e il 16% di mais. Un’emergenza mondiale che riguarda direttamente l’Italia che importa il 64% del proprio fabbisogno di grano per la produzione di pane e biscotti e il 53% del mais per l’alimentazione del bestiame. Una situazione destinata a durare, riferisce la Coldiretti, perche’ l’Ucraina ha annunciato che per effetto della guerra in primavera riuscira’ a seminare meno della meta’ della superficie a cereali per un totale di 7 milioni, rispetto ai 15 milioni previsti prima dell’invasione Russa. Il ministro dell’Agricoltura ucraino, Roman Leshchenko ha quindi annunciato la necessaria limitazione delle esportazioni per garantire la sopravvivenza della popolazione. 

Servizio Precedente

"Pagateci in rubli". E la moneta recupera valore in Borsa

Prossimo Servizio

Trump: Ci fossi io, avrei minacciato Putin con sottomarini nucleari

Ultime notizie su Cronaca