Lampedusa, è di nuovo emergenza sbarchi

Lettura 3 min

 “La sensazione”, dice il sindaco di Lampedusa, e’ che “con l’arrivo della bella stagione ci saranno sbarchi di massa”, perche’ “da qualche settimana ha ripreso impulso la rotta libica con barconi carichi di migranti” mentre “di barchini con tunisini a bordo se ne vedono meno”. In poche ore ieri nell’hotspot si e’ toccato il picco di 723 persone, a poco a poco il centro e’ stato “svuotato: 274 migranti sono stati trasferiti nella nave quarantena Allegra, che si trova in rada, e altri 190 sono stati portati col traghetto, stamattina, a Porto Empedocle e poi nel centro di Caltanissetta. Solo il mare grosso e il forte vento ha impedito altri arrivi con le navi delle ong, in particolare Sea Watch, che ha 400 naufraghi a bordo, impegnate in diversi soccorsi. “E’ inaccettabile, abbiamo scritto al presidente Draghi e ai ministeri della Salute e degli Interni: oltre a controllare chi arriva in aereo dai Paesi a rischio, fra Covid e varianti, e’ doveroso anche bloccare barchini e barconi per rispetto degli Italiani, dei loro sacrifici, della loro salute, della loro sicurezza”, protesta Matteo Salvini

. Due navi mercantili oggi sono state inviate dalla Guardia Costiera italiana in soccorso di una barca, segnalata da un cittadino libico e da Alarm Phone, partita ieri sera da Zuara con 97 persone a bordo. Il barcone, in effetti, e’ stato avvistato da un velivolo Frontex alla deriva in area di responsabilita’ Sar libica. La Guardia costiera libica, che ha assunto il coordinamento, ha inviato una propria motovedetta che non e’ riuscita a raggiungere il punto a causa di avverse condizioni meteo marine. E ha chiesto la collaborazione della Guardia Costiera italiana al fine di dirottare i mercantili piu’ vicini, secondo quanto previsto dalle convenzioni internazionali in materia ricerca e soccorso in mare. In azione un supply vessel e una petroliera. Un moto veliero con a bordo una sessantina di migranti invece e’ stato intercettato da mezzi navali della GdF al largo del Capo di Leuca; a bordo anche 7 donne e 13 minori, alcuni dei quali molto piccoli. L’imbarcazione e’ stata condotta nel porto di Santa Maria Leuca dove i migranti sono stati soccorsi dai volontari della Croce Rossa e dai medici. E ieri la Guardia costiera tunisina e’ riuscita a salvare 172 migranti di nazionalita’ africana, che si trovavano in rotta verso le coste europee a bordo di un gommone, a nord di Zaouia. Dell’episodio riferisce anche l’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim) in LIbia su Twitter scrivendo che ieri “172 migranti, tra cui donne e bambini, sono stati rimpatriati in Libia dalla guardia costiera. Le nostre squadre hanno fornito assistenza di emergenza a oltre 600 migranti intercettati nelle ultime 48 ore. Ribadiamo che la Libia non e’ un porto sicuro”. 

Servizio Precedente

Ma la Lega non era quella che voleva abolire il canone e privatizzare la Rai?

Prossimo Servizio

La replica del vicedirettore di Rai3: Telefonata tagliata, mai imposto censure

Ultime notizie su Cronaca