De Magistris attacca la Lega in Calabria: “Sportelli anti-mafia e candidati equivoci”?

7 Settembre 2021
Lettura 1 min

 “L’ultima farsa della Lega. La lotta apparente alla ‘ndrangheta a orologeria nell’ultimo mese di campagna elettorale. Quanta ipocrisia e credibilità sotto zero a inaugurare presunti ‘sportelli anti’ndrangheta’ di ascolto e supporto a chi subisce minacce e intimidazioni dall’organizzazione criminale e mafiosa più potente al mondo”. Lo afferma Luigi de Magistris, candidato presidente alla Regione Calabria.

Ma poi la stoccata pesante. “Tutto solo per procacciare consenso, quando poi, tra i candidati nelle proprie liste si sbandiera pure con orgoglio – secondo il punto di vista dell’ex pm – la presenza di persone impresentabili. La lotta alle mafie non si fa con iniziative “spot”. Affermazioni che possono finire in tribunale se non supportate da prove certe. Si attendono repliche dalla Lega.

“L’antimafia è e dovrebbe sempre essere requisito essenziale dell’agire politico, di qualunque partito ed organizzazione politica. Soprattutto se sei un’istituzione ed una forza di governo nazionale, alla guida dei ministeri chiave. Invece di chiedere scusa per i politici coinvolti in fatti gravissimi di criminalità organizzata, si inaugurano sportelli pubblicitari contro la ‘ndrangheta e si candidano personaggi equivoci. Ma da ottobre si porrà fine con i fatti ai rapporti tra mafia e politica – assicura De Magistris – Avete una storia non credibile, noi abbiamo dimostrato con la nostra storia da che parte stiamo”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Green pass, Carfagna: Basta ambiguità nel centrodestra

Prossimo Servizio

Tira e molla sul Green pass. La Lega piega la testa e ritira emendamenti ma… pronta a sostenere quelli di Giorgia?

Ultime notizie su Cronaca

Caso Vannacci, la Lega: Giustizia a orologeria

“E’ motivo di orgoglio che un coraggioso servitore della Patria come Roberto Vannacci venga accostato alla Lega”, si legge in una nota del partito. “L’indagine a suo carico conferma il nervosismo di chi teme il
TornaSu

Don't Miss