Zaia, autonomia è la base di un processo virtuoso. Ma dopo voto Senato e Camera, va scritto il nostro “contratto”

22 Gennaio 2024
Lettura 1 min

“L’autonomia sarà la lente d’ingrandimento sull’efficienza dei territori. È la base del processo virtuoso dove le Regioni possono scegliere di sfruttare le opportunità della riforma, mettendosi alla prova nel rendere più efficaci i processi amministrativi e di governance”. Così riferisce all’Ansa il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, parlando del voto di domani in Senato sulla riforma. “Con le stesse risorse oggi impegnate dallo Stato – aggiunge – il Veneto, ma sono certo molte altre regioni, possono fare di più. Significa un risparmio di risorse, da trasformare nell’aumento dei servizi per i nostri cittadini e le nostre imprese. È in quest’ottica di attenzione alla macchina pubblica che siamo pronti, con il federalismo, ad assumerci ulteriori responsabilità. Con l’autonomia torna impellente nell’agenda il tema dei servizi ai cittadini e al tessuto economico”. 

Domani, sottolinea Zaia, “che ci sarà un’intera regione, il Veneto, con gli occhi puntati sui lavori parlamentari. Il voto sarà una delle due colonne portati, con il voto che si terrà a seguire alla Camera per l’approvazione del provvedimento”.

 “È merito di un Governo che ci ha creduto – osserva il governatore leghista – coerente con gli impegni presi. Ringrazio la premier Meloni, il ministro Calderoli e l’intero esecutivo. Ci aspettiamo una giornata storica, come sarà il voto alla Camera per il voto finale che darà avvio alla riforma federalista. Sarà allora il momento, di mettere a terra il nostro ‘contratto’, la nostra ‘intesa’, con il Governo per l’autonomia “.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Voto finale Autonomia in Senato, Fontana festeggia ma Sala no: Sindaci esclusi da nuovi poteri e competenze, tutto solo alle Regioni

Prossimo Servizio

Pnrr, Ocse: “Revisione riduce finanziamenti per i progetti dei Comuni”. Non è una novità

Ultime notizie su Veneto

TornaSu