Ricciardi: Green pass solo ai vaccinati

Lettura 1 min

Servono correttivi al sistema del Green pass, secondo il consulente per l’emergenza Covid del ministro della Salute Roberto Speranza, Walter Ricciardi. “Per la stagione invernale che ci costringe piu’ al chiuso e a contatto con gli altri, bisognerebbe rivederne la concessione limitando le liberta’ legate al Green pass solo ai vaccinati e ai guariti dal Covid”, dichiara in un’intervista a Il Messaggero. Per l’esperto, il tampone e’ il “punto debole” del sistema, perche’ “non assicura la protezione e la non trasmissione del virus, se non al 30 per cento”. Riguardo alle nuove cure contro il Covid, Ricciardi sottolinea che “l’unico strumento di prevenzione” rimane il vaccino.

“Non e’ pensabile sostituire al vaccino che previene con il farmaco, che cura quando si e’ gia’ contagiati”. Intervistato da La Repubblica, Ricciardi dichiara che alla terza dose per tutti i cittadini “ci arriveremo”. Senza di essa e senza l’ampliamento del numero di vaccinati con la prima dose, aggiunge, “avremo una risalita forte, piu’ di quella che vediamo ora” di contagi che “avverra’ presumibilmente tra gennaio e febbraio”. Duro verso il Regno Unito. Sulla lotta al Covid “hanno sbagliato tutto dall’inizio”, attacca Ricciardi. “Hanno fatto nascere la variante inglese, poi hanno fatto entrare in Europa la Delta”, e ora “agevolano la formazione di nuove varianti”.

Servizio Precedente

C'è ancora un Giudice a Bruxelles? Stop al green pass per entrare nell'europarlamento

Prossimo Servizio

Speranza: terza dose sotto i 60, bimbi vaccinati da dicembre. Vacanze Natale? Meglio restare in Italia

Ultime notizie su Scienza