Zicchieri, vicecapogruppo della Lega, lascia Salvini. Zenati, Forza Centro: Processo che continua…

Lettura 3 min

di Davide Zenati – Fa notizia l’addio del deputato della Lega eletto in Lazio, Francesco Zicchieri. Anché perché è il vicecapogruppo a Montecitorio. Mica pizzi e fichi, per capirci. A Il Foglio avrebbe dichiarato: “Mi sono dimesso in questo momento da vicepresidente dei deputati e nelle prossime ore farò un altro passo: me ne andrò dalla Lega”. Verso? “Per ora il Gruppo misto: non cerco una rielezione, ma la parola e la lealtà sono valori sacri, almeno per me. Salvini mi ha deluso, non è un leader che mantiene gli impegni, non ha nemmeno il senso dell’amicizia”.

A dirla tutta non sono stupito. Un partito che ha toccato il suo massimo storico oltre il 30% e ora che traccheggia attorno alla metà (i maligni dicono anche oltre, ma sotto), che ha fatto la sua fortuna grazie ai social, alle promesse facili, ora deve fare i conti col territorio. Che Zicchieri, che ben conosco e stimo, lasciasse, non mi sorprende, quindi. Me lo aspettavo, come tanti si aspettavano che qualche impalcatura in Lazio, così come altrove, venisse giù. Un pezzo qui, un pezzo là.

E Matteo? Sembra oramai osservare ed inseguire solo quei sondaggi che gli danno qualche sorriso, lasciando un vuoto che tempo fa era riuscito a colmare. I territori, le persone sono la linfa vitale di un partito. Lo aveva spiegato bene Umberto Bossi. Te lo ricordava chiamandoti anche la notte. Qui invece si va di Nutella (con tutto il rispetto per l’eccellete prodotto) su Tik Tok. Ma la Lega non è nata dentro un telefonino, era nel paese reale ed era nata al Nord, proponendo un progetto federale per tutto il Paese. O no?

Ora Zicchieri va verso il gruppo misto. Gli auguro buon lavoro, ovviamente, e un diverso riconoscimento del suo operato, non prima di rileggere quanto risulterebbe da lui scritto in una chat.

“Buongiorno a tutti purtroppo non avrei mai pensato di poter inviare in questa chat integrata messaggio simile , ma purtroppo nella vita il mai non esiste. Sono a ringraziare innanzitutto un amico e un fantastico presidente del gruppo come Riccardo al quale mi lega affetto e stima . Ringrazio uno per uno tutto voi  miei colleghi e amici . Da oggi non farò più parte di questo stupendo gruppo . Purtroppo la mia famiglia mi ha trasmesso alcuni valori e quando viene meno , affidabilità, lealtà e amicizia finisce tutto per me. Non è uno stipendio  da parlamentare o una rielezione che mi tengono legato a qualcosa. Un saluto a tutti e vi auguro di cuore buon lavoro” . 

https://www.ilfoglio.it/politica/2022/05/12/news/zicchieri-lascia-la-lega-salvini-non-e-leale-e-affidabile–3997488/

Davide Zenati, presidente Forza Centro

Nella foto, da sinistra Zicchieri e Zenati

Servizio Precedente

Perugia rigetta richiesta di ricusazione di Palamara. "Ricorso in Cassazione"

Prossimo Servizio

L'Europa prepara il piano per il razionamento del gas

Ultime notizie su Politica