Nuova Costituente: “Su Hong Kong l’Europa non dia argomenti a Pechino”

27 Maggio 2020
Lettura 1 min

Nuova Costituente deplora l’atteggiamento di indifferenza che le autorità italiane ed europee stanno mostrando di fronte all’aggressione cinese in corso contro l’autonomia di Hong Kong. La nuova “legge sulla sicurezza nazionale”, infatti, imporrebbe una supremazia del regime cinese sulla “regione amministrativa speciale” in violazione agli accordi sottoscritti.

È estremamente grave che nel ventunesimo secolo la comunità internazionale possa accettare l’imposizione esterna di un sistema autoritario su una comunità che, nel corso degli anni, ha espresso una chiara richiesta di democrazia e di standard occidentali di rispetto dei diritti civili.

Per queste ragioni, è oggi urgente difendere il diritto di Hong Kong a decidere della propria forma di governo e del proprio futuro e, secondo Nuova Costituente, tale difesa deve muovere dal pieno riconoscimento anche in Europa del diritto democratico di autogoverno ed autodeterminazione per le comunità politiche che lo richiedano – si tratti della Catalogna, della Scozia, delle Fiandre o magari, domani, il Veneto, la Sardegna o il Sud Tirolo.

Il più grande tradimento della libertà di Hong Kong che possiamo commettere, infatti, è quello di dare l’opportunità alla Cina di sostenere di non stare facendo niente di diverso di quello che farebbe, di fronte a una simile sfida, un qualsiasi Stato occidentale.

www.nuovacostituent

Photo by ev

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Chi incanala ora malessere sociale. Gli Ultras organizzano protesta a Roma

Prossimo Servizio

Dai 60mila nuovi precari statali di Boccia al concorsone salvaprecari della scuola. Funziona così da 50 anni

Ultime notizie su Politica

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu