Mattarella, nel Giorno della memoria nessun dubbio. Attacco Hamas “è replica orrori della Shoa”. Ma Israele non neghi Stato ad un altro popolo

26 Gennaio 2024
Lettura 4 min

 Nel giorno delle celebrazioni al Quirinale del Giorno della memoria Sergio Mattarella non ha dubbi nel definire l’attacco terroristico di Hamas contro Israele “una raccapricciante replica degli orrori della Shoa”. Ma proprio perchè l’Italia vede “Israele come Paese a noi vicino e pienamente amico, oggi e in futuro, per condivisione di storia e di valori” e ribadendo che “siamo e saremo sempre impegnati per la sua sicurezza”, il capo dello Stato fa un passo oltre e invoca proprio da parte di Israele un cambio di prospettiva: “Coloro che hanno sofferto il turpe tentativo di cancellare il proprio popolo dalla terra sanno che non si può negare a un altro popolo il diritto a uno stato”. Al Quirinale c’è mezzo governo ad ascoltare le parole del Presidente, Giorgia Meloni siede accanto ad Antonio Tajani, reduce da un viaggio a Gerusalemme, più in là c’è il ministro della Difesa, Guido Crosetto e poi Piantedosi, Valditara, Abodi, i presidenti delle Camere, il Presidente della Corte Costituzionale Augusto Barbera. La cerimonia è dedicata quest’anno ai “Giusti tra le nazioni”, così vengono definiti i non-ebrei che hanno agito in modo eroico a rischio della propria vita e senza interesse personale per salvare anche un solo ebreo dal genocidio nazista della Shoah. Sami Modiano, sopravvissuto ad Auschwitz-Birkenau, ha portato la sua testimonianza intervistato da uno studente di rientro dal “Viaggio della memoria”, in ricordo delle vittime della Shoah, organizzato in Polonia dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. 

Mattarella esordisce citando Primo Levi: “‘La storia della deportazione e dei campi di concentramento non può essere separata dalla storia delle tirannidi fasciste in Europa: ne rappresenta il fondamento condotto all’estremo, oltre ogni limite della legge morale che è incisa nella coscienza umana”. Sopravvissuto all’inferno di Auschwitz, Levi dava questo giudizio “sulle radici e sulle responsabilità prime del più grave sterminio, organizzato e programmato ai danni di donne e uomini definiti di razze inferiori, compiuto nella storia dell’umanità”.

“Auschwitz fu un orrore assoluto, senza precedenti – cui null’altro può essere parificato, – scandisce il Presidente della Repubblica – ideato e realizzato in nome di ideologie fondate sul mito della razza, dell’odio, del fanatismo, della prevaricazione. Un orrore che sembrava inconcepibile tanto era lontano dai sentimenti che normalmente si attribuiscono al genere umano”, avverte Mattarella, eppure quelle “ideologie di superiorità razziale, la religione della morte e della guerra, il nazionalismo predatorio, la supremazia dello Stato, del partito, sul diritto inviolabile di ogni persona, il culto della personalità e del capo, sono stati virus micidiali, prodotti dall’uomo, che si sono diffusi rapidamente, contagiando gran parte d’Europa”. Ciò che preoccupa il capo dello Stato è che “anche ai nostri giorni, la ruota della storia sembra talvolta smarrire la sua strada, portando l’umanità indietro, a tempi e a stagioni che mai avremmo pensato di rivivere” ed ecco che “parole d’ordine, gesti di odio e di terrore sembrano di nuovo affascinare e attrarre, nel nostro Continente ma anche altrove”.

Di nuovo “il fanatismo, religioso o nazionalista, che non tollera non soltanto il diritto ma neppure la presenza dell’altro, del diverso, ritiene di poter imporre la sua visione con la forza, la guerra e la violenza, violando i principi fondamentali del diritto internazionale e della civiltà umana”, insomma “siamo di fronte a un nuovo ‘crinale apocalittico”, dice prendendo a presto un’espressione cara a Giorgio La Pira.

Il ritorno dell’antisemitismo è ciò che ha prodotto la “feroce strage antisemita di innocenti nell’aggressione di terrorismo che, in quella pagina di vergogna per l’umanità, avvenuta il 7 ottobre, non ha risparmiato nemmeno ragazzi, bambini e persino neonati”, dice Mattarella. Per quegli ostaggi ancora nelle “mani crudeli di Hamas cresce l’angoscia di giorno in giorno”.

L’angoscia cresce però “anche per le numerose vittime tra la popolazione civile palestinese nella striscia di Gaza. Tante donne e bambini… anche perché una reazione con così drammatiche conseguenze sui civili, rischia di far sorgere nuove leve di risentimenti e di odio. Può accrescere gli ostacoli per il raggiungimento di una soluzione capace di assicurare pace e prosperità in quella regione, così centrale nella storia dell’umanità e così martoriata”. L’appello del capo dello Stato si conclude con uno spiraglio di ottimismo: “Ci ostiniamo a restare fiduciosi nel futuro dell’umanità – dice -. Nella convinzione profonda che un futuro intriso di intolleranza, di guerra e di violenza, non sia il desiderio iscritto nelle coscienze delle donne e degli uomini. I Giusti, con il loro coraggio, la loro speranza e il loro sacrificio ci indicano la direzione e ci spronano ad agire, con determinazione e a tutti i livelli, contro i predicatori di odio e i portatori di morte”. E tra di loro i “Giusti italiani sono tra le radici migliori della nostra Repubblica. Per questo li celebriamo e li onoriamo, tutti insieme, come popolo italiano e come comunità, nel Giorno della memoria”. 

Ma in modo molto netto, Mattarella chiarisce anche che dopo l’orrore terrorista di Hamas, la risposta di Israele rischia di ostacolare la pace. E c’e’ di piu’. Con una sorta di mozione della storia, piu’ che degli affetti, il presidente della Repubblica lancia quasi un appello: “Coloro che hanno sofferto il turpe tentativo di cancellare il proprio popolo dalla terra sanno che non si puo’ negare a un altro popolo il diritto a uno Stato”. Come ogni anno al Quirinale Mattarella ha chiamato le nostre istituzioni, i vertici delle comunita’ ebraiche, gli studenti e i sopravvissuti all’Olocausto. Sono sempre di meno, un cruccio che ha esplicitato pochi giorni fa anche Liliana Segre. “Non mi fermero’, continuero’ ancora fin quando potro’ farlo” dice con voce saldissima Sami Modiano, raccontando i suoi viaggi della Memoria con i giovani a Birkenau. Tutti si alzano in piedi per un lungo applauso e lui stringe le braccia in un abbraccio ideale. Noemi Di Segni, presidente delle Comunita’ ebraiche in Italia dichiara tutta la sua preoccupazione: “Occorre chiarire che le immagini del 27 gennaio sono solo e unicamente della Shoah, che quelle del 7 ottobre e degli atti vissuti in questi mesi sono un tunnel sotterraneo che ci fara’ uscire ad Auschwitz se non si vigila seriamente”. 

credit foto fonte Quirinale. Il presidente Mattarella con Sami Modiano

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Acqua… alta in Monferrato. Commissariamenti e privati nella gestione della preziosa risorsa

Prossimo Servizio

Video – Cani e gatti in campo con le campionesse mondiali di volley della Prosecco Doc Imoco ed Enpa

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu