Case Green, Ciocca (Lega): Scongiurare l’ennesima ingiustizia per le case degli italiani

7 Dicembre 2023
Lettura 1 min

“La stessa Europa che predica bene, ma razzola male, con doppie sedi dispendiose e non efficientante, sta attaccando le case degli italiani con nuove patrimoniali green volute dalla sinistra europea”.

Lo afferma Angelo Ciocca, europarlamentare della Lega, a margine del trilogo di domani sulle case Green.

Ciocca, a ventiquattro ore dal trilogo, critica l’UE per imporre regole senza fornire le risorse necessarie per adempiere alla transizione verde. “Un vero e proprio diktat europeo da parte di una UE che prima impone, poi non mette a terra quelle risorse che servirebbero per adempiere a quella stessa transizione verde, che però renderà verde solo le tasche dei cittadini, a vantaggio della finanza speculativa”, afferma.

L’europarlamentare della Lega sottolinea anche come la transizione verde stia beneficiando i colossi dell’inquinamento mondiale, a scapito dei cittadini europei, e conclude il suo appello chiedendo un cambiamento radicale nell’approccio dell’UE, in grado più di creare problemi a imprenditori e ai cittadini che vantaggi ai suoi Paesi membri, come nel caso di Expo 2030 dove la stessa Ue si è dimostrata incapace di fare squadra. “Domani, al trilogo, serve scongiurare un pericolo che ancora una volta ci vedrebbe arrancare e non avanzare, magari perché no, verso il buonsenso. E nel 2024 ne servirà molto per rivoluzionare questa Europa!”

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Abbiamo ancora bisogno di partiti padani per una nuova stagione autonomista? La sfida di Castelli

Prossimo Servizio

Qualcosa non torna. Confimprese: Sicilia fanalino di coda per fondi antiusura

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu