25 aprile. E’ la giornata nazionale piemontese, l’identità del popolo subalpino

Lettura 5 min

di Roberto Gremmo – La “Nazione Piemontese” è nata ufficialmente il 25 aprile del 1796 ad Alba, quando il coraggioso patriota Giovanni Antonio Ranza riconosceva l’identità etnica e culturale di questo piccolo popolo subalpino. Nella stessa occasione, garriva al vento il nuovo vessillo piemontese, ideato dallo stesso Ranza, con tre bande orizzontali di eguale grandezza, coi colori rosso (la forza), blu (la solidità) e arancione (la dolcezza e l’uguaglianza); un emblema altamente simbolico che precede il famoso tricolore italiano di Reggio Emilia.
Condizionata dalla supremazia dei francesi, la “Nazione” riscoperta da Ranza doveva durare poco e il suo vessillifero doveva scoprire che i “liberatori” d’oltralpe erano dei colonizzatori e rapinatori di ricchezze, e che dietro i proclami di liberté, egalité, fraternité si celavano i peggiori intenti centralisti e imperialisti.


Malgrado sia stata un fuoco di paglia, la “Nazione Piemontese” resta nella storia come un tentativo positivo di formare uno Stato che riconosceva pienamente le caratteristiche di un popolo a sé stante, ben differente anche da quelli della Padania cisalpina, con diverse – altrettanto nobili ma ineguali –  tradizioni, lingua e cultura.
Non per caso, a un anno dal proclama piemontesista di Alba, Ranza doveva dare alle stampe l’opuscolo Vera idea del Federalismo italiano dove, in aperta polemica con gli apologeti del centralismo napoleonico, sosteneva che l’unico avvenire di pace e prosperità poteva realizzarsi solo quando sarebbe nata “la Repubblica Piemontese, confederata con gli altri Stati Liberi Italiani”, una prospettiva che non si è mai concretizzata.
Ogni 25 aprile ricordiamo mestamente un’utopia splendente, una speranza andata perduta, un desiderio di libertà, indipendenza e fraternità che conserviamo intatto nel nostro cuore.

25 aprile giornata nazionale piemontese

 
El 25 d’avril a l’è la “Giornà Nassional Piemontèisa”

  La “Nassion Piemontèisa” a l’è nà a l’onor dël mond ël 25 d’avril 1796 an Alba quandi ‘l vajantos patriòt Giovan Tòni Ransa arconossìa ‘l visagi ètnich e coltural ëd cost cit Pòpol subalpin.
 Ant ël midem moment, a svantajava al vent ël neuv drapò piemontèis, anventà da l’istess Ransa, con tre bande orisontaj gròsse istess, coj color ross (la fòrsa), bleu (la robustëssa) e giaon portigal (la dosseur e l’eguagliansa); ‘n ansëgna motobin simbòlica pì veja dl’avosà tricolor talian ‘d Reggio Emilia.
Obligà a sté sota ‘l tach dij fransèis, la “Nassion” fàita arnàsse da Ransa a dovìa avèj ‘na vita ben corta e sò pòrtadrapò a dovìa deschëuvre che ij “liberator” dëdlà dij Alp a l’ero màch dië s-ciavisador e dij ladron e che daré dle crije ‘d “liberté, egalité, fraternité” a së scondìo le pess fisse crasose ‘l libertà e govern dël pòpol.
Combin a sìa stàita ‘n feu ‘d paja, la “Nassion Piemontèisa” a resta andrinta la stòria coma ‘na preuva ‘d fé nasse në Stat ch’a arconossìa an pien lòn ch’a dëssern dël tut un Pòpol për sò cont, motobin dësmijant ‘dcò da coj dla Padania cisalpin-a con ‘d aotre, combin aotertant nòbij, tradission, lenga e coltura.
Nen për combinassion, dòp ‘n ann da la crija ‘d Alba, Ransa a fasìa stampé ‘l tilèt Vera idea del Federalismo italiano andova, butandse contra ij cacam ch’a bërlicavo ij pé a Naplion, a fortìa che l’unìca stra vers ‘n avnì ‘d pas e ‘d fosonansa a sarìa stàita percoribil con “la Republica Piemontèisa confederà con j’aotri Estat Lìber Italian”, ‘n seugn ch’a l’è mai diventà efetiv.
 Minca 25 ‘d avril arcordoma arnosament ‘n utòpia lusenta, ‘na speranssa për maleur perdùa, ‘na veuja ‘d libertà, andipendensa e fradlansa ch’i guarnoma tuta antrega an nòs cheur.

Per gentile concessione dell’autore da www.rivistaetnie.com

Servizio Precedente

Celebrare Dante? Ecco come descrive i politici ruffiani e piazzisti nelle Malebolge

Prossimo Servizio

Lombardia, caos vaccini. Aria, si dimette in blocco il cda. Era ora

Ultime notizie su Piemonte