Monta il caso Trux

20 Gennaio 2024
Lettura 1 min

“La scritta Trux con il pennarello è stata una goliardata dopo la sospensione da Sky dell’ex calciatore Di Canio che si era tatuato Dux. Per sdrammatizzare. E dimostrare che è un dibattito anacronistico. Agitare ogni due per tre il pericolo fascista non fa bene a nessuno, men che meno alla sinistra. E Rachele (riferendosi al nome della figlia che è anche quello della moglie, ndr) è il nome che doveva avere mia moglie e l’ha scelto lei”. Così in una intervista a La Repubblica Paolo Truzzu, sindaco di Cagliari e candidato alle Regionali in Sardegna per il centrodestra. Che alla domanda se sia antifascista, risponde: “Non mi definisco anti in nessun caso. Non sono neppure anti comunista. Faccio politica ‘per’, non anti”. Alla domanda se pensa di poter contare sull’appoggio della Lega risponde: “Ho sempre avuto ottimi rapporti con la Lega sia a livello territoriale che nazionale. Sono certo che ci daranno una mano importante. Sarò alternativo a Solinas correggendo quanto è stato sbagliato – conclude Truzzu – Di certo è mancato il rapporto della giunta regionale con gli altri livelli istituzionali, cioè con gli enti locali, con il sindacato, con l’università, con le associazioni datoriali”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Soru, la destra al governo vuole distruggere il nostro Statuto d’autonomia

Prossimo Servizio

Trenord, per i pendolari l’Odissea è sempre peggio. “24 linee su 40 sotto gli standard”

Ultime notizie su Elezioni Regionali

Molise, vince il centrodestra ma la Lega è al 6%

“Congratulazioni a Francesco Roberti per la vittoria alle elezioni regionali in Molise. Un altro grande successo, ottenuto grazie al lavoro del centrodestra unito, che conferma la solidità della coalizione di Governo. Un risultato
TornaSu