Regione, passa mozione (delle opposizioni) che chiede dimissioni di Savoini da vicepresidente Corecom Lombardia. Nel testo integrale: Nel 2019 maggioranza respinse richiesta

Lettura 1 min

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato con voto segreto la mozione delle opposizioni che giudicava inidoneo il leghista Gianluca Savoini alla vicepresidenza del Corecom, Comitato regionale per le comunicazioni, chiedendone le dimissioni dall’organismo. Il Pirellone ha dato il via libera alla mozione presentata dal consigliere di +Europa, Michele Usuelli, da Niccolò Carretta di Azione e dai capigruppo di Pd e Lce, Fabio Pizzul ed Elisabetta strada, con 34 voti a favore e 32 contrari. Almeno sei i franchi tiratori della maggioranza.

Nonostante la dura battaglia dialettica e regolamentare e il voto finale per parti separate, il testo presentato da Michele Usuelli dei Radicali ha fatto breccia anche nella maggioranza di centrodestra. Savoini, della Lega, già responsabile dell’ufficio stampa del Pirellone, è stato il mediatore di Matteo Salvini in Russia finito nello scandalo delle intercettazioni all’hotel Metropol di Mosca.

Di recente un articolo di ‘Fanpage’ lo ha citato per il canale Telegram ritenuto emanazione dell’associazione Lombardia-Russia, a sostegno delle tesi di Vladimir Putin anche dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. La mozione dei radicali era accompagnata all’invito a Regione Lombardia ad accogliere e sostenere con borse di studio i cronisti russi dissidenti in fuga dal paese, sulla base dell’appello lanciato il 29 marzo scorso dalla giornalista russa Sophia Kornienko, appello indirizzato ai presidenti della Commissione Ue Ursula von der Leyen e del Consiglio Europeo Charles Michel. 

“Con il voto segreto qualcuno ha votato a favore delle premesse che per noi erano inaccettabili. E’ sempre difficile sapere chi e’ stato, ma quello che e’ successo e’ questo”. Lo ha detto il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Roberto Anelli, commentando la mozione approvata dall’aule che chiede le dimissioni di Gianluca Savoini da vicepresidente del Corecom Lombardia. Almeno sei i consiglieri di maggioranza che, con votazione segreta, si sono espressi a favore della mozione. Anelli minimizza le possibili ricadute politiche: “Di sicuro e’ un qualcosa che non funziona per quanto riguarda la maggioranza. Abbiamo tenuto la riunione dei capigruppo e avevamo un’indicazione di voto: evidentemente c’e’ stato qualcuno che non ha seguito questa indicazione”, ha sottolineato il capogruppo leghista. “Certo, dopo un attacco come questo non si puo’ piu’ essere vicini al presidente Putin”, ha concluso Anelli.

(https://youmedia.fanpage.it/gallery/al/622b9dbce4b060a53ff1e2c3)

.

Ecco il testo integrale della mozione a firma Michele Usuelli
(+Europa/Radicali)
Fabio Pizzul
(Partito Democratico)

Servizio Precedente

La Lega contraria a espulsione dei diplomatici russi. Poi vota sì su armi vendute senza Iva

Prossimo Servizio

Benzina, la sorpresa alla cassa. A Como ci provano: Prezzi bassi su tabelloni, più alti sulle colonnine

Ultime notizie su Lombardia