Stambecchi a rischio. Colpa del riscaldamento globale

17 Gennaio 2024
Lettura 1 min

Il riscaldamento globale mette a serio rischio gli stambecchi. Lo ha evidenziato una ricerca dell’Università di Ferrara che ha dimostrato che questo animale alpino diventa più notturno in risposta al caldo sia nelle aree dove è presente il lupo (nel Parco Nazionale del Gran Paradiso) sia in zona dove il predatore non c’è ancora (Parco Nazionale Svizzero). Il bisogno di vivere in condizioni ideali da un punto di vista termico è più importante del rischio di essere predati. Questo potrebbe anche significare che il cambiamento climatico – a lungo andare- potrebbe essere davvero pericoloso non solo per gli stambecchi ma anche per altre specie poco adatte alle temperature più elevate. La risposta di questo ungulato, che con il maggior caldo si sposta in aree meno idonee, aumentando l’attività notturna e accettando un rischio di predazione maggiore, potrebbe essere messa in atto anche da altre specie tipicamente diurne. Tali cambiamenti implicano un peggioramento delle condizioni di vita e un aumento del rischio di predazione, poiché queste specie si sono evolute per essere attive di giorno. Lo studio – supervisionato dal Professor Stefano Grignolio del Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie con il contributo dell’università di Sassari e delle due aree protette – ha dimostrato che l’aumento di attività notturna in relazione alla temperatura è simile sia nei maschi sia nelle femmine, anche se quest’ultime pesano circa la metà dei maschi e hanno corna decisamente più piccole, andando quindi incontro a un rischio di predazione più elevato. 

Le dirette conseguenze della ricerca, per ora sono essenzialmente dovute. In primis, se gli animali cambiano i momenti del giorno in cui sono attivi, sarà necessario rivedere le nostre attività di gestione della fauna, ad esempio i censimenti, perché durante le ore di luce si farà più fatica a trovare e contare gli animali Inoltre, sarà fondamentale ridurre le altre sorgenti di stress che potrebbero forzare ulteriormente gli animali ed essere meno attivi di giorno. Ad esempio, riducendo la presenza di turisti nelle aree più utilizzate dagli stambecchi o evitando il sorvolo di elicotteri. “La nostra ricerca mette in luce un’ulteriore conseguenza del riscaldamento globale che forzerà alcune specie diurne ad essere attive di notte, accettando un incremento nel rischio di predazione – commenta Grignolio -. Le conseguenze ultime di questi cambiamenti nel comportamento delle specie diurne non ci sono ancora evidenti e dovremo capire se potremo mettere a rischio la conservazione di queste specie”. 

credit foto Robin GAILLOT-DREVON unplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Asse sempre più solido Von der Leyen-Meloni, anche sul Pnrr. Vertice a Forlì per il post alluvione

Prossimo Servizio

Senza “santoli” in paradiso – Calderoli invoca Sant’Antonio da Padova per l’autonomia differenziata ma sbaglia protettore… E’ Antonio Abate

Ultime notizie su Lo Zoo

Oipa, convegno a Roma sul “patentino cane speciale”

Occorre introdurre una normativa che preveda il rilascio di un “patentino cane speciale”, dopo il superamento di un corso, come già avviene, per esempio, nel Comune di Milano (v. Regolamento). Questo il tema del convegno dal titolo “Le
TornaSu