Asse sempre più solido Von der Leyen-Meloni, anche sul Pnrr. Vertice a Forlì per il post alluvione

17 Gennaio 2024
Lettura 1 min

“Incontro molto costruttivo con Giorgia Meloni. Abbiamo discusso del prossimo Consiglio europeo e della Presidenza italiana del G7. La nostra buona collaborazione ha portato alla revisione positiva del Pnrr con 1,2 miliardi di euro di investimenti per prevenire le inondazioni. Non vedo l’ora di continuare a lavorare insieme”. Lo scrive su X la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. 

“E’ toccante tornare qui in Emilia-Romagna, non dimenticherò mai le devastazioni provocate dalle terribili alluvioni. Ricordo fango ovunque”. Ha anche detto la presidente della Commissione Europea,  a Forlì, nel corso delle dichiarazioni alla stampa con il presidente del Consiglio Giorgia Meloni. “Ma quello che ricordo anche così vividamente è l’enorme solidarietà, l’aiuto vicendevole tra le persone. Mi è stata consegnata anche una piadina, di cui ricordo ancora l’odore”, ha aggiunto. “Staremo al vostro fianco fin quando servirà: ‘Tin bota’, l’Europa rimane con voi”, ha concluso. 

“Abbiamo dimostrato che la revisione del Pnrr era non solo possibile ma anche doverosa”, ha detto il presidente del Consiglio Giorgia Meloni, nel corso delle dichiarazioni alla stampa con la presidente della Commissione Europea, in visita nelle zone colpite dall’alluvione in Emilia-Romagna. sat/gsl (Fonte video: Presidenza del Consiglio).

 Immagini messe a disposizione con licenza CC-BY-NC-SA 3.0 IT

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Il video geniale della Pro Loco di Ranco sul Lago Maggiore: un inno all’importanza del dialetto e delle lingue locali

Prossimo Servizio

Stambecchi a rischio. Colpa del riscaldamento globale

Ultime notizie su Politica

Ci ha lasciati il nostro collega Roberto Pisani

Roberto Pisani, giornalista, collega e collaboratore del nostro quotidiano, in questo tardo pomeriggio di febbraio è volato in cielo. Pavese, padano, onestamente autonomista e federalista, ha sempre messo la sua professione al
TornaSu