Chissà perché il terzo polo parte da Milano. Dal Nord

Lettura 2 min

di Gigi Cabrino – Il terzo polo inizia con un evento congiunto di Renzi e Calenda a Milano.
Come riporta Il Messaggero ” i due leader di Italia sul serio rompono il tabù per lanciare la campagna elettorale. Alle 18 condivideranno il palco del SuperStudio di viale Tortona, a un passo dai Navigli, la cornice che ogni anno ospita il FuoriSalone durante la Design week.”.
«Abbiamo pensato anche a un’altra sala ma ormai non si poteva più cambiare» fanno sapere Azione e Italia Viva. I 4mila posti disponibili «sono stati polverizzati in poche ore».
“La scelta di Milano del resto non è casuale. Alcune proiezioni che circolano tra i big del Terzo polo non escludono affatto che nel capoluogo lombardo si possa superare la doppia cifra”.


Osserva Il Messaggero: “ampi spazi di manovra quindi, per affondare sull’attualità del rigassificatore di Piombino o sull’incontro negato da Enrico Letta per ragionare di una soluzione al caro energia. Ma spenderà parole anche sui temi dell’immigrazione, delle politiche a favore della famiglia e delle ricette per il lavoro. «Con serietà, senza propaganda, senza prendere in giro gli italiani, senza urlare slogan slegati dalla realtà» come ripete a spron battuto Calenda”.


Sarà centrale il ruolo dell’Europa ed è annunciata la presenza di Sandro Gozi, di Renew Europe e presidente dei federalisti europei.
L’obiettivo va ben al di là delle prossime elezioni :” il palcoscenico milanese oggi sarà cornice del lancio del progetto Renew Europe in Italia. Tanto che è previsto l’intervento sul palco di Sandro Gozi, eurodeputato di Renew Europe e segretario generale del Partito democratico europeo. Il macroniano d’Italia, entusiasta del progetto, non vede difficoltà nel rapporto tra i due leader. «Non bisogna essere amici per far politica insieme, né serve andare in vacanza assieme – spiega Gozi – C’è bisogno di tutti».
Il primo a capirlo del resto è stato Renzi, definito «generoso» da chiunque dei centristi per il suo passo di lato”.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

ELEZIONI - Dopo il ruspismo, il sovranismo, il populismo, che perde è il Nord, senza rappresentanza

Prossimo Servizio

Caro bollette. 9 milioni di italiani a rischio povertà

Ultime notizie su Elezioni