Inflazione come nel 1983. Stipendi giù, spesa su. per quanto ancora?

Lettura 1 min

Il dato peggiore degli ultimi 40 anni. L’inflazione somiglia a quella che colpiva il potere d’acquisto nel 1983. L’Istat fornisce tutti i dati.

Aumento su base mensile dello 0,3% e dell’8,9 su base annua (8,4% il mese prima di settembre).

Anche si dati parlando di stime al ribasso, dall’11,1 al 10,9%, il quadro dei prezzi è li a parlare quando andiamo a fare la spesa. la mano si allunga per prendere un prodotto, poi lo rimette al suo posto. Buona parte dei beni di consumo e di prima necessità sono inavvicinabili.

Ammette l’Istat che “Bisogna risalire ad agosto 1983 (quando fu pari a +11,0%) per trovare una crescita dei prezzi del “carrello della spesa”, su base annua, superiore a quella di settembre 2022 (+10,9%)”.

Inoltre, “L’ulteriore accelerazione dell’inflazione su base tendenziale si deve soprattutto ai prezzi dei Beni alimentari (la cui crescita passa da +10,1% di agosto a +11,4%) sia lavorati (da +10,4% a +11,4%) sia non lavorati (da +9,8% a +11,0%) e a quelli dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +4,6% a +5,7%)”. Ce ne siamo accorti. Gli stipendi non cambiano. La spesa sì. A parte litigare sui ministeri, del potere d’acquisto ne vogliono parlare sul serio?

Servizio Precedente

La Magna Charta della Padania, firmata da Giampaolo Pansa nel 1969 su La Stampa

Prossimo Servizio

La metà degli aiuti Caritas per la povertà al Nord. Serve un ministero per la Questione settentrionale o no?

Ultime notizie su Economia