La metà degli aiuti Caritas per la povertà al Nord. Serve un ministero per la Questione settentrionale o no?

17 Ottobre 2022
Lettura 1 min

di Stefania Piazzo – Se vai a leggere il corposo lavoro della Caritas, il dossier “L’anello debole” sulla povertà in Italia, ti accorgi che il Paese sta scivolando in silenzio e nell’indifferenza, spesso, oltre la soglia dell’indigenza. E’ una linea di confine che non è superata solo per il dato economico statistico, ma perché la povertà è sociale, culturale, scolastica, professionale. E’ la somma di tante povertà.

Mentre scorri i dati leggi che “Nel 2021 la povertà assoluta conferma i suoi massimi storici toccati
nel 2020, anno di inizio della pandemia da Covid-19. Le famiglie in povertà assoluta
risultano 1 milione 960mila, pari a 5.571.000 persone (il 9,4% della popolazione residente).
L’incidenza si conferma più alta nel Mezzogiorno (10% dal 9,4% del 2020) mentre scende in
misura significativa al Nord, in particolare nel Nord-Ovest (6,7% da 7,9%). In riferimento
all’età, i livelli di povertà continuano ad essere inversamente proporzionali all’età: la
percentuale di poveri assoluti si attesta infatti al 14,2% fra i minori (quasi 1,4 milioni
bambini e i ragazzi poveri), all’11,4% fra i giovani di 18-34 anni, all’11,1% per la classe 35-64
anni e al 5,3% per gli over 65 (valore sotto il la media nazionale)”.

Certo sarà aumentata da una parte e diminuita dall’altra, ma il dato che spaventa è quando vai a vedere sulle schede di sintesi la ripartizione degli assistiti. Il Nord fa registrare il 50,4% degli assistiti. Il Sud il 20,9%, il Centro il 28,9%. Sta scritto. Vuol dire che l’apparente benessere diffuso non è quello che si crede che sia. Serve, ed è una provocazione, un ministero per la questione settentrionale?

Nella sintesi del rapporto, si legge anche che “il nord-Est e il Sud risultano le macroaree con la più alta incidenza di poveri di prima generazione”.

Come la mettiamo? Se questo non è un dato politico, se questa non è una questione settentrionale aperta, cosa lo è, a parte il silenzio della politica e dei partiti e dei sindacati che la povertà del Nord non la sanno mai vedere? Figuriamoci interpretare.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Inflazione come nel 1983. Stipendi giù, spesa su. per quanto ancora?

Prossimo Servizio

Polizia imbavagliata in piazza a Milano il 20 ottobre. Protesta contro chi “frena” la sicurezza con area B e C

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia

BCE regala un piccolo taglio dei tassi

di Gigi Cabrino – Era atteso ed è arrivato il primo leggero taglio dei tassi.Nessuna sorpresa da Francoforte, nonostante la piccola recente fiammata dell’inflazione. Infatti il Consiglio direttivo della Bce ha deciso
TornaSu

Don't Miss