Giorgetti, prima uscita in Europa. Avanti tutta col Mes. Quello di Draghi e che Meloni non aveva votato?

7 Novembre 2022
Lettura 1 min

Nessuno sconvolgimento epocale nella politica post Draghi per il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti al primo vertice dell’Eurogruppo. Oltre che ricordare una posizione “prudente e realista che tiene conto, da un lato, del buon andamento dell’economia confermato dalle ultime rilevazioni dell’Istat e, dall’altro lato, dei rischi al ribasso, collegati specialmente al mercato per energia e inflazione”, Giorgetti  ha rassicurato sul Mes (Meccanismo europeo di stabilità): “Mi attesto sulle decisioni del precedente governo, di cui facevo parte. Aspettiamo le decisioni della Corte costituzionale tedesca e poi decideremo”, ha detto. “Confermo l’impegno a ratificarlo, esattamente la posizione dello scorso governo”, ha aggiunto.

Quel Mes davanti al quale Meloni aveva dichiarato: “Annuncio che la nostra opposizione sarà totale”, disse alla Camera. Poi, però, i tempi cambiano.

Sul fronte energia, Giorgetti ha poi affermato: “Sicuramente possiamo parlare di accordo per quanto riguarda politiche comuni e sul coordinamento europeo in materia di energia. Siamo d’accordo riguardo a politiche comuni, in modo da non farci male da soli”, ha dichiarato ai cronisti. “Per quanto riguarda il debito comune è chiaro che ci sono opinioni diverse, soprattutto rispetto ad un suo eventuale riutilizzo dopo l’esperienza del Next generation Eu”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Aspettando che Moratti parli di autonomia, federalismo…

Prossimo Servizio

Regionali: Cottarelli, no grazie, non mi candido. Moratti, la sfida al centro. Intanto Renzi annuncia a Milano il 4 dicembre federazione del Terzo Polo

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia

BCE regala un piccolo taglio dei tassi

di Gigi Cabrino – Era atteso ed è arrivato il primo leggero taglio dei tassi.Nessuna sorpresa da Francoforte, nonostante la piccola recente fiammata dell’inflazione. Infatti il Consiglio direttivo della Bce ha deciso
TornaSu

Don't Miss