Giorgetti, prima uscita in Europa. Avanti tutta col Mes. Quello di Draghi e che Meloni non aveva votato?

Lettura 1 min

Nessuno sconvolgimento epocale nella politica post Draghi per il ministro dell’Economia Giancarlo Giorgetti al primo vertice dell’Eurogruppo. Oltre che ricordare una posizione “prudente e realista che tiene conto, da un lato, del buon andamento dell’economia confermato dalle ultime rilevazioni dell’Istat e, dall’altro lato, dei rischi al ribasso, collegati specialmente al mercato per energia e inflazione”, Giorgetti  ha rassicurato sul Mes (Meccanismo europeo di stabilità): “Mi attesto sulle decisioni del precedente governo, di cui facevo parte. Aspettiamo le decisioni della Corte costituzionale tedesca e poi decideremo”, ha detto. “Confermo l’impegno a ratificarlo, esattamente la posizione dello scorso governo”, ha aggiunto.

Quel Mes davanti al quale Meloni aveva dichiarato: “Annuncio che la nostra opposizione sarà totale”, disse alla Camera. Poi, però, i tempi cambiano.

Sul fronte energia, Giorgetti ha poi affermato: “Sicuramente possiamo parlare di accordo per quanto riguarda politiche comuni e sul coordinamento europeo in materia di energia. Siamo d’accordo riguardo a politiche comuni, in modo da non farci male da soli”, ha dichiarato ai cronisti. “Per quanto riguarda il debito comune è chiaro che ci sono opinioni diverse, soprattutto rispetto ad un suo eventuale riutilizzo dopo l’esperienza del Next generation Eu”.

Servizio Precedente

Aspettando che Moratti parli di autonomia, federalismo...

Prossimo Servizio

Regionali: Cottarelli, no grazie, non mi candido. Moratti, la sfida al centro. Intanto Renzi annuncia a Milano il 4 dicembre federazione del Terzo Polo

Ultime notizie su Economia