Accordo di Lipsia. Saranno le Regioni a guidare la transizione verso il 2035. L’auto elettrica ci obbligherà a diventare federalisti?

20 Novembre 2022
Lettura 1 min


di Gigi Cabrino – Più di convegni e riflessioni socio politiche è stata la direttiva UE che mira ad eliminare i motori a combustione entro il 2035 a dare un impulso all’Europa delle regioni.
A Lipsia si sono incontrati i rappresentanti delle regioni e territori europei in cui è forte la presenza di industrie dell’automotive.
“”Accompagnare la transizione del settore automobilistico evitando il crollo dei sistemi economici e dell’occupazione dei territori maggiormente coinvolte nella filiera produttiva dei motori endotermici è l’obiettivo dell’intesa siglata a Lipsia tra le 29 Regioni europee dell’automotive, tra cui 8 italiane (Abruzzo, Basilicata, Emilia-Romagna, Lombardia, Molise, Piemonte, Toscana, Umbria e Veneto)”.


“Alla costituzione dell’Alleanza di Lipsia era presente il commissario europeo Nicolas Schmit, che ha ribadito l’importanza della salvaguardia e del rafforzamento del settore automobilistico anche per tutelare centinaia di migliaia di posti di lavoro”.


“Tutti i rappresentanti delle Regioni italiane hanno convenuto con i colleghi europei sull’importanza della riqualificazione della forza lavoro e della ricerca ed innovazione anche attraverso soluzioni basate sul concetto di neutralità tecnologica, quali i combustibili biologici e a basso contenuto carbonico, i combustibili sintetici ed i motori endotermici ad idrogeno; importanti alternative nell’ottica della tutela della produzione di motori a combustione interna”.


“Il documento chiede proprio l’istituzione di un meccanismo europeo a sostegno di una transizione giusta ed equa delle zone in cui è ubicata la maggior parte delle produzioni industriali del settore automotive, nella convinzione che sull’altare della transizione non si possono sacrificare competenze e capacità e soprattutto una leadership conquistata in cento anni di ricerca, innovazione e scelte imprenditoriali e che si dovrà cercare di mantenere guidando il cambiamento e non facendosi indicare la strada tecnologica da sistemi industriali di altri continenti”.


“La posizione delle Regioni italiane é risultata univoca e sarà, previa condivisione con il Governo, presentata nelle prossime settimana al Parlamento e alla Commissione europea”.


È la realtà delle cose che accadono – in questo caso la tutela dell’automotive- a ricordarci che se da un lato non c’è prospettiva se non europea, questa Europa non può che essere federale, delle regioni e dei territori.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Caro Reguzzoni, nella scuola troppo meridionalismo nelle scelte di fondo…

Prossimo Servizio

Autonomia senza soldi? Presidente Fontana, lei dove vive?

Ultime notizie su Economia

Superbonus ahi ahi ahi. Ma chi lo votò?

“Il Superbonus , insieme al bonus facciate e, in misura minore, gli incentivi alle imprese Transizione 4.0 hanno inciso marcatamente sui conti pubblici degli ultimi anni lasciando anche una pesante eredità sul futuro”. A

730 “facile”? Con 152 pagine di istruzioni?

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o
TornaSu

Don't Miss