Il Pnrr prevede 6 riforme per prof e studenti. Ma le Regioni che chiedono l’autonomia, di quella per la scuola prevista in Costituzione, che ne hanno fatto?

Lettura 2 min

di Gigi Cabrino – Si legge che “Delle sei riforme abilitanti per la scuola previste dal PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza) due stanno aspettando ancora la definizione della normativa. Una di queste riforme è quella relativa al rafforzamento delle attività di orientamento per gli studenti. Entro il prossimo mese di dicembre dovranno essere definite le Linee Guida che ‘introdurranno moduli di orientamento obbligatori’ già a partire dalla scuola del primo ciclo. Le ore annuali per le attività orientative, comunque, non dovranno essere inferiori a 30”.


“La seconda riforma da portare avanti è quella relativa al dimensionamento della rete scolastica. Per gli anni scolastici 2022/23 e il 2023/24, e in via temporanea, il numero minimo di 600 alunni (400 nelle piccole isole e nei comuni montani) per avere un Dirigente Scolastico e un DSGA di ruolo rimane abbassato a 500 studenti (300 in isole e comuni montani) come disposto per lo scorso anno scolastico. Entro la fine dell’anno, però, dovrà essere definita una normativa che andrà a regime”.


Il PNRR punta molto sulla formazione digitale degli insegnanti: “Si tratta di almeno 650mila prof nei prossimi cinque anni. Secondo l’ultima relazione del governo Draghi, diffusa ad agosto, sono stati investiti 56 milioni di euro (risultavano attivati 2.229 corsi di formazione con 49.470 iscrizioni). Il personale scolastico che aveva già completato almeno un corso era pari a 15.323 unità”.


Per chiudere non va dimenticato il Piano per le competenze, “ovvero il potenziamento delle competenze di base dei giovani. Il PNRR ha previsto 1,5 miliardi per 470mila studenti a rischio di abbandono scolastico, unitamente ad altri 350mila giovani che, invece, hanno già abbandonato la scuola. I primi 500 milioni sono già stati distribuiti”.

Infine la domanda delle domande. Le competenze sulla scuola sono regionali. Lo direbbe il Titolo V della Costituzione.

Come mai le Regioni, quelle in testa che chiedono l’autonomia (sulla carta) non si stracciano poi cos’ tanto le vesti per portarla a casa, visto che esiste già?

Poi, per carità, c’è anche il Pnrr…

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

POPULISMO DI LOTTA E DI GOVERNO - Chi rimpiange l'aula vuota per il taglio (votato) dei parlamentari?

Prossimo Servizio

Lombardia non aspetta Roma - A Regionali centrosinistra e Terzo Polo su modello sindaci

Ultime notizie su Cultura