Sette anni per depositare la sentenza Impregilo. Motivazioni del giudice in aspettativa per caso conti non pagati

25 Giugno 2021
Lettura 1 min

La Procura generale di Milano, guidata da Francesca Nanni, ha fatto ricorso in Cassazione contro la sentenza d’appello ‘bis’ del 2014, con motivazioni depositate dopo 7 anni dal verdetto, che ha confermato l’assoluzione di Impregilo, imputata per la legge sulla responsabilita’ amministrativa in relazione ad un’ipotesi di aggiotaggio, che risale a 18 anni fa e che era contestata agli allora vertici Piergiorgio Romiti e Paolo Savona, per cui fu dichiarata la prescrizione nel 2010. Il ricorso arriva dopo il deposito delle motivazioni lo scorso aprile del giudice Piero Gamacchio andato in aspettativa per il noto caso di conti non pagati.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Obolo San Pietro giù del 18%

Prossimo Servizio

Discoteche chiuse, Cecchetto: Capro espiatorio, ci si vuole lavare la coscienza

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu