Omelia no vax, parroco nel pavese contro campagna vaccinale

2 Gennaio 2022
Lettura 1 min

Durante l’omelia della messa di fine anno, nel pomeriggio di venerdi’ 31 dicembre, ha criticato i vaccini e la linea adottata dal governo per contrastare la pandemia. E’ accaduto a Casorate Primo, un comune pavese al confine con la provincia di Milano, la cui parrocchia di San Vittore Martire fa parte dell’arcidiocesi milanese. Le parole del parroco, don Tarcisio Colombo, hanno suscitato la reazione di diversi fedeli, che si sono alzati dal loro posto lasciando la chiesa. A darne notizia e’ oggi il quotidiano “La Provincia pavese”.

Il caso e’ gia’ stato segnalato alla Curia di Milano. Don Tarcisio si e’ difeso dalle critiche: “Nella vita – ha affermato – bisogna sapere ascoltare anche chi ha un’opinione diversa dalla propria. Se in questa fase storica si dice qualcosa di diverso sulla pandemia rispetto al sentire comune si viene additati come ‘no vax'”. Il sacerdote non ha voluto dire se si sia vaccinato contro il Covid-19: “A questa domanda rispondo solo ai medici, sulle questioni personali di salute non c’e’ bisogno di dare risposte a persone che non siano dottori”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

VIDEO – Quando Salvini contestava il “signor Mattarella” e il discorso vuoto del “presidente che non mi rappresenta”

Prossimo Servizio

Ricciardi, estendere a tutti super Green pass altrimenti 2022 sarà fotocopia del 2021

Ultime notizie su Cronaca

Allerta gialla ancora al Nord

Ancora piogge e temporali al nord , allerta gialla in quattro regioni. Un nuovo impulso perturbato, di origine atlantica, in rapido avvicinamento alle regioni settentrionali del nostro Paese, porterà ancora condizioni di

E Ciocca rilancia Miss Padania. Dopo 12 anni

Dopo 12 anni di stop, torna Miss Padania by Ciocca, il concorso che valorizza la bellezza dei valori e le tradizioni del Nord Italia. L’evento, fortemente voluto dall’europarlamentare della Lega Angelo Ciocca,
TornaSu