La bagarre sul Ponte. “Navi potranno passare se non ci saranno auto e treni che passano in quel momento?”

5 Maggio 2024
Lettura 1 min

“L’Amministratore Delegato della Società Stretto di Messina Ciucci, dovrebbe dire la verità agli italiani, e gli chiedono di farlo in Parlamento. In questo momento, le falle del progetto del Ponte sullo Stretto di Messina stanno emergendo una dopo l’altra, inclusa la questione dell’altezza del Ponte un problema fondamentale: la progettazione è stata concepita decenni fa, in un’epoca in cui il mondo era diverso. Da allora, ci sono stati importanti sviluppi negli studi sismologici, e le navi sono diventate più grandi e più alte”.

Così in una nota il deputato di AVS Angelo Bonelli “La giustificazione dell’amministratore delegato Ciucci – prosegue Bonelli – è sconcertante: ha detto che le navi potranno passare sotto il Ponte se non ci saranno automobili e ferrovie sul Ponte stesso. È incredibile! La domanda è: a cosa servirebbe un Ponte che non può essere utilizzato per il trasporto? Il progetto si trasformerebbe in una cattedrale nel deserto senza funzione, deturpando lo Stretto”. “Ad oggi ci sono ben settanta tipi di navi, comprese navi container e navi da crociera – insiste Bonelli – che non potrebbero passare sotto il Ponte così com’è progettato. Tutto questo dimostra che si sta cercando di riesumare un progetto obsoleto, vecchio di decenni, senza tener conto dei cambiamenti avvenuti nel tempo. Inoltre, c’è un altro problema grave: uno spreco di denaro pubblico l’accesso a documenti che mi permetterebbero di valutare la procedura adottata per ripristinare la gara d’appalto del Ponte sullo Stretto di Messina Il 18 aprile durante una trasmissione televisiva su La7, Ciucci aveva promesso di fornirmi questi documenti, ma, ad oggi, non li ho ancora ricevuti” conclude l’esponente dei Verdi. 

Secondo Ciucci, “Il progetto esecutivo del Ponte sullo Stretto di Messina arriverà entro fine anno”. Lo ha dichiarato in un’intervista a Rai Radio1. Il progetto esecutivo annunciato per l’estate, si riferisce a una nota dell’emittente, slitterà quindi a dopo novembre quando ci dovrebbe essere l’approvazione del Cipess. Prima però arriverà la valutazione di impatto ambientale – spiega Ciucci a Radio1 – e Stretto di Messina si prenderà più dei 30 giorni previsti per rispondere alle oltre 200 integrazioni richieste dal Ministero dell’Ambiente. “La procedura prevede anche la possibilità di chiedere una proroga – afferma l’amministratore delegato – Stiamo studiando la possibilità di effettuare ulteriori analisi sul campo che ci consentirebbe di andare anche oltre quello che è previsto dalla legge, in modo da dare la migliore risposta possibile alle osservazioni fatte dal Mase”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

La lettera – Un tempo per essere candidati serviva la militanza, ora basta un libro. Anzi, la lotteria della Lega di Prato

Prossimo Servizio

Il Telegraph: “Prove Usa e britanniche su fuoriuscita Covid da laboratorio cinese”

Ultime notizie su Cronaca

Perquisita Fondazione Olimpiadi Milano-Cortina

 Tre affidamenti “opachi” in cambio di soldi e un’auto, il sospetto su altre procedure adottate per la scelta di fornitori e sponsor in campo digitale e per alcune assunzioni di dipendenti della
TornaSu