Indagati i vertici della Segreteria di Stato Vaticana, “voragine nei conti”

Lettura 1 min

Non smette di destare sorpresa e stupore quanto emerge dall’inchiesta esclusiva con cui l’agenzia Adnkronos apre da stamane il proprio portale.

“Monsignor Alberto Perlasca e Fabrizio Tirabassi, responsabili dell’ufficio amministrativo della Segreteria di Stato Vaticana, – si legge – sono indagati per peculato in concorso con Gianluigi Torzi e Raffaele Mincione in relazione all’investimento di 454 milioni di euro derivanti – secondo gli investigatori vaticani – dalle donazioni dell’Obolo di San Pietro, nella disponibilità della Segreteria di Stato e da questa possedute con vincolo di scopo per il sostegno delle attività con fini religiosi e caritatevoli”.

Uno scandalo di dimensioni preoccupanti e che da quanto apprende l’Adnkronos l’appropriazione di fondi avrebbe causato una “enorme voragine” nei conti dello Stato Vaticano “compiuta da funzionari della Segreteria di Stato” con la complicità di imprecisati “soggetti esterni”.

Per approfondire vedi: https://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2020/06/06/esclusivo-vaticano-enorme-voragine-conti-compiuta-funzionari-segreteria-stato_c5k3JX256KfJWt81gRPxCO.html?refresh_ce

Servizio Precedente

Il terrore sanitario e la "ghigliottina" in plexiglass. L'ultimo regalo della "rivoluzione"

Prossimo Servizio

Zaia, "al voto prima che riaprano le scuole". E al Veneto conviene...

Ultime notizie su Cronaca