Hackerato per ore il sito della Polizia di Stato. Rivendicazione del collettivo filorusso Killnet

Lettura 1 min

Il sito della Polizia ha subito un attacco da parte degli hacker filorussi del collettivo ‘Killnet’, gli stessi che nei giorni scorsi hanno colpito alcuni siti istituzionali tra i quali quelli del Senato e della Difesa e che hanno provato a bloccare Eurovision. L’azione, iniziata la scorsa notte, e’ stata fronteggiata dai tecnici della Polizia supportati dagli specialisti del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipc) della Polizia Postale, per il progressivo ripristino delle piene funzionalita’ del sito. 

A rivendicare l’attacco e’ stato lo stesso collettivo Killnet sui suoi canali Telegram: “secondo i media stranieri – si legge – Killnet ha attaccato Eurovision ed e’ stato bloccato dalla polizia italiana. Ma Killnet non ha attaccato Eurovision. Oggi, invece, dichiariamo ufficialmente guerra a 10 paesi, inclusa l’ingannevole polizia italiana. A proposito – concludono gli hacker – il tuo sito ha smesso di funzionare: perche’ non e’ stato fronteggiato l’attacco come per l’Eurovision?”. L’attacco non ha provocato danni alle infrastrutture ma si e’ limitato a saturare le connessioni e ha comportato un rallentamento. (ANSA). GUI 16-MAG

Servizio Precedente

Russia: Rubli a Mariupol per case distrutte e vittime se cittadini dichiarano che è stato esercito ucraino

Prossimo Servizio

CHE FIGURA - Bruxelles intima: Roma zona rossa per la peste suina. Piano di abbattimento dei cinghiali e recinzioni. Auguri

Ultime notizie su Cronaca