Giordania, arrestato il principe Hamzah. Complotto contro il re

Lettura 1 min

Il fratellastro del re di Giordania Abdullah II, il principe Hamzah bin Hussein, ha detto di essere stato posto agli arresti domiciliari e ha accusato il “sistema di governo” del Paese di incompetenza e corruzione, esponendo una rara spaccatura all’interno della monarchia al potere in Giordania.La dichiarazione videoregistrata del principe Hamzah è arrivata alla Bbc dopo che l’agenzia di stampa ufficiale del Paese ha riferito che due ex alti funzionari e altri sospetti erano stati arrestati per “motivi di sicurezza”, anche se le autorità hanno negato che Hamzah fosse detenuto o posto agli arresti domiciliari.In un video trapelato alla Bbc, Hamzah, ex principe ereditario privato del titolo nel 2004, ha detto di essere stato visitato sabato dal capo militare del Paese e gli è stato detto che non gli era permesso di uscire, comunicare con persone o incontrarsi con loro.Ha detto anche che il suo telefono e il servizio Internet sono stati interrotti, e che stava parlando su Internet via satellite e si aspettava che anche quel servizio sarebbe stato interrotto. La Bbc ha detto di aver ricevuto la dichiarazione dall’avvocato di Hamzah.Hamzah ha riferito di essere stato informato di essere stato punito per aver preso parte a riunioni in cui il re era stato criticato, anche se ha detto di non essere stato accusato di essersi unito alle critiche. 

Servizio Precedente

La patria del Porta (ovvero: contro le forzature nazionalistiche)

Prossimo Servizio

Il fallito golpe in Giordania, vaso di coccio tra vicini sauditi e israeliani

Ultime notizie su Cronaca