Decresetazione strage Bologna: Familiari, non prendeteci in giro

Lettura 2 min

Un “annuncio positivo, ma che fa sorgere alcuni dubbi”. Il giorno dopo, il presidente dell’associazione dei familiari delle vittime del 2 agosto 1980, Paolo Bolognesi, conferma le perplessità sulla direttiva firmata ieri dal premier Mario Draghi per la declassificazione degli atti che riguardano Gladio e la P2, con riferimento ai documenti relativi alle stragi di piazza Fontana, Gioia Tauro, Peteano, questura di Milano, piazza della Loggia, Italicus, Ustica, stazione di Bologna e Rapido 904. La direttiva “è positiva, siamo favorevoli”, premette Bolognesi parlando con la ‘Dire’. Ma senza nascondere i dubbi legati anche all’esito della prima direttiva, la cosiddetta direttiva Renzi del 2014. Intanto “come mai desecretano atti, quelli su Gladio e P2, che ci avevano detto essere già desecretati?”, si chiede. Ma il punto principale per Bolognesi è “come questi documenti verranno desecretati”. Perché “se chi desecreta è lo stesso che ha secretato è una presa in giro, bisogna che questo lo sappiano i cittadini italiani. Il regolamento dell’archivio dei servizi segreti è segreto di stato. Bisogna che criteri di archiviazione diventino una cosa pubblica, altrimenti mai saprai cosa hanno secretato”. La richiesta dei famigliari delle vittime della strage alla stazione è dunque che la desecretazione venga eseguita da terzi, ad esempio da archivisti “dell’archivio generale dello Stato”. E che l’operazione venga condotta “per serie archivistica, non singolarmente”. Perché “se intervieni a spot rischi di spaccare gli archivi e rendere la cosa ancora più complicata”. Non deve insomma ripetersi per Bolognesi la situazione che si è verificata con la direttiva Renzi, dove un comitato speciale “ha deciso cosa dare e cosa non dare”, e spesso nei documenti forniti erano omessi nomi e località. Invece “desecretati vuol dire visibili”, obietta Bolognesi. “Queste precisazioni- aggiunge il rappresentante dei famigliari delle vittime della bomba alla stazione, ieri al 41esimo anniversario- è bene farle adesso, perché non vorrei che Draghi cadesse nello stesso errore che hanno fatto gli altri”.

Photo by Cristiano Pinto 

Servizio Precedente

Papeete, non solo mojito? Sequestro da 500mila euro, accusa di evasione fiscale

Prossimo Servizio

Vaccini, Sud, Fornero, sbarchi, Green Pass: se davvero non vanno giù perché il capitanissimo non stacca la spina?

Ultime notizie su Cronaca