Nuova Costituente: “Ora tocca alle Regioni difendere diritto ed economia”

Lettura 2 min

riceviamo e volentieri pubblichiamo

Al termine dell’incontro tenutosi tra sabato e domenica, è stato raggiunto un accordo tra Stato e Regioni. Secondo le agenzie di stampa l’intesa impegna il governo a richiamare nel proprio testo di riferimento le linee elaborate e proposte dalla Conferenza delle Regioni: quello schema sarà poi la base su cui dovranno poggiare i singoli protocolli regionali.

A questo punto, a giudizio di Nuova Costituente, sta ai responsabili regionali prendere le difese della società – come raramente hanno fatto finora – e  mostrare la sensibilità necessaria a salvaguardare, al tempo stesso, il diritto e l’economia. Nei loro regolamenti le Regioni devono ora limitarsi ad indicare agli operatori economici e ai cittadini quali sono i comportamenti da “non tenere”, perché lesivi dell’incolumità altrui, senza imporre null’altro e senza pretendere di limitare i diritti dei singoli in maniera ingiustificata, com’è invece avvenuto nelle settimane di lockdown e di forzata interruzione delle attività economiche.

Se opereranno in tal modo, le Regioni potranno delineare un ordine giuridico certo e semplice, capace quindi di rendere possibile quella ripartenza che, in ogni caso, sarà molto difficile e che per tante imprese sarà del tutto improbabile.

Dopo la disfatta del governo centrale (che con semplici atti amministrativi ha cancellato le nostre libertà e ha distrutto larga parte del tessuto produttivo), spetta dunque alle Regioni mostrare una diversa sensibilità: un maggiore rispetto per l’autonomia dei singoli e per la necessità di rimettere in moto – come già sta avvenendo in larga parte d’Europa – il sistema delle relazioni produttive e commerciali.

Servizio Precedente

I BAMBINI NON CONTANO? Asili chiusi fino a settembre, unici in Europa. La denuncia di Assonidi: vogliono farci fallire

Prossimo Servizio

"Lo Stato c'è". La carica dei 101 boss trovati col reddito di cittadinanza. Mentre gli onesti aspettano la cassa integrazione, vero Inps?

Ultime notizie su Veneto