La Principessa dell’operetta, Elena D’Angelo

Lettura 2 min

di Marcus Dardi – Il mondo magico dell’Opera e dell’Operetta ha da sempre avuto, in ogni periodo, le sue “Etoiles”. Nei primi anni di questo travagliato XXI secolo l’Operetta ha la sua Principessa: Elena D’Angelo.

Elena si laurea in Lettere Moderne all’università statale di Milano e parallelamente studia pianoforte e si diploma in Canto Lirico.

Il suo debutto avviene nel 1996 in una delle tre opere italiane del grande e amatissimo Mozart. Elena riveste il ruolo di Susanna ne “Le nozze di Figaro”.

Inizia così la sua brillantissima carriera, collabora stabilmente con la compagnia “Opera Stage” e partecipa a numerosi spettacoli dell’Accademia Teatrosempre” diretta da Piero Mazzarella.

Nel 2003 vince il concorso Lirico Internazionale “Luigia Stramesi” città di Sale (AL).

Nel ruolo di co-protagonista recita, insieme a Michele Placido, nello spettacolo “E una sera a teatro. Spettacolo che ha avuto diverse repliche in diverse città.

Un momento importante della sua carriera avviene nel 2004 quando diventa la prima attrice Soubrette e soprano della “Compagnia Italiana dell’Operetta” girando i più importanti teatri italiani. Grazie ai suoi continui successi nel 2011 ne assume la direzione artistica.

L’Operetta le ha immediatamente aperto le braccia ed il cuore vedendola protagonista d’eccellenza in “la Vedova Allegra”, “la Principessa della Czarda, “La Duchessa di Chicago”, “la Duchessa del Bal Tabarin”, “Cin Ci Là”, “il Paese dei Campanelli”, “La Danza delle Libellule”,”Ballo al Savoy”, “Al Cavallino bianco”, “ Bajadera”, “Scugnizza”……..

Con l’orchestra “I Pomeriggi Musicali” debutta, nel 2008 al “Teatro Arcimboldi” di Milano con la partecipazione di un’altra eccellenza dell’Operetta, Elio Pandolfi.

Numerosissime sono state poi le sue tourrnèe all’estero esportando così la voce del Belcanto in Argentina, Uruguay, Giappone, Germania, Svizzera, Bielorussia, Slovenia, Spagna..and more.

Nel 2013 lascia la “Compagnia Italiana dell’Operetta” e assume il ruolo di prima attrice soubrette-soprano della Compagnia del “Teatro Al Massimo” di Palermo.

Il frutto di tutto questo grande lavoro e di questa straordinaria carriera fiorisce nella creazione della sua compagnia teatrale. Nel 2014 nasce così “La Compagnia d’Operette Elena D’Angelo“.

Nel febbraio del 2015 Elena viene ospitata, su RAI 1, a Uno Mattina In Famiglia dove regala un’esaustiva intervista sull’operetta ed esegue brani tratti da: LA VEDOVA ALLEGRA e dal BALLO AL SAVOY.

Si diletta col giornalismo scrivendo e curando sulla rivista on line “Dance Hall News, la rubrica “Operetta Mon Amour”.

Collabora stabilmente con la Fondazione Pavarotti, riceve nel luglio del 2016, a Livorno, il “Premio Nazionale Operetta”, e il premio Malaspina alla Carriera.

Ha curato il primo Stage di Operetta, “Operetta, Caratteri e Stili al Conservatorio di Como ed è direttrice artistica del primo progetto “Vi presento L’operetta” rivolto interamente ai giovani.

Ha ricevuto il “Premio Award Modoetia Corona Ferrea” nel 2018.

Ha ideato, con l’assessorato alla cultura di Monza, il festival dell’operetta (alla sua terza edizione).

Nell’ Aprile 2018 è a Los Angeles e a Toronto con repertorio di lirica, canzoni italiane e uno spettacolo dedicato a Ennio Morricone.

Oltre all’attività legata all’operetta e ai concerti, da diversi anni si occupa di regia, allestimento e costumi di opere e operette.

Ha curato regia, allestimento e costumi de La Traviata, Aida, Il Barbiere di Siviglia, Turandot, Tosca, Elisir d’Amore, Rigoletto, La Serva Padrona in molte tournée nel nord Italia.

Nel 2018 cura regia, allestimento e costumi del Nabucco di G. Verdi tenutosi al Teatro Manzoni di Monza, al teatro degli Arcimboldi di Milano, al teatro Condominio di Gallarate e infine al teatro Amaya di Irun in Spagna.

Elena, “La Principessa dell’Operetta” non si ferma certo qui, continuerà a produrre arte, a regalare note di Belcanto e a far conoscere e valorizzare questo meraviglioso patrimonio artistico dell’umanità.

Principessa,…….«i nostri più sinceri rispetti!»

Servizio Precedente

Partito in Gran Bretagna piano vaccinazione

Prossimo Servizio

Rogo, della Thyssenkrupp di Torino. Se fosse accaduto all’estero e i dirigenti fossero stati italiani, cosa sarebbe successo?

Ultime notizie su Storia e Territorio