Vienna e Berlino, “Schengen non è morta ma è rotta. Necessario ripristino controlli alle frontiere”

19 Ottobre 2023
Lettura 1 min

“Schengen non è morta, ma è rotta, e quindi dobbiamo ripararla”. Lo ha detto il ministro degli Interni austriaco, Gerhard Kerner, a Lussemburgo, durante un punto stampa congiunto con l’omologa tedesca Nancy Faeser. Per i rappresentanti di Vienna e Berlino il ripristino dei controlli alle frontiere interne è “necessario” davanti alla “pressione” migratoria “considerevole”. “Vogliamo combattere con più forza i trafficanti”, ha detto Faeser. Le decisioni avvengono “sempre in stretto coordinamento con i nostri vicini”, ha spiegato Kerner, indicando che “Schengen può essere riparata migliorando la protezione dei confini esterni” dell’Ue.

credit foto joshua-hoehne-WPrTKRw8KRQ-unsplash

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

COME I PANDA – In Italia attivo meno del 16% dei giornalisti iscritti all’Ordine. Crescono i “comunicatori” e i “marketer”

Prossimo Servizio

Telenovela Olimpiadi – Fontana: Zaia vuole altre gare? A Cortina resta lo sci femminile

Ultime notizie su Politica

Amnistia per gli indipendentisti catalani, ora è legge

Gli avvocati difensori di 36 dirigenti del partito della Sinistra repubblicana catalana (Erc) condannati o processati per reati collegati al processo indipendente in Catalogna hanno sollecitato oggi l’applicazione dell’amnistia. Secondo fonti giuridiche citate
TornaSu