Oblio oncologico, Gadda: Finalmente la Camera approva. Il Senato non perda tempo

4 Agosto 2023
Lettura 1 min

“Finalmente la Camera approva all’unanimità la proposta di legge sull’oblio oncologico. Si faccia in fretta al Senato, per porre fine a un assurdo vuoto legislativo. Oltre un milione di persone guarite da una malattia oncologica e nonostante gli anni trascorsi dal termine delle cure, subiscono una discriminazione ingiusta all’atto di stipula di un mutuo, di uno strumento assicurativo, e persino dell’adozione. Il Parlamento europeo ha chiesto di approvare entro il 2025 normative nazionali in materia, arriviamo prima affinché alla guarigione clinica consegua anche la ripartenza dei progetti di vita”, così la parlamentare varesina Maria Chiara Gadda, segretaria regionale di Italia Viva Lombardia.


“Ringrazio la prima firmataria della legge, on. Maria Elena Boschi, per essersi fatta portavoce delle istanze di tante famiglie e associazioni, e il lavoro bipartisan fatto con l’on. Patrizia Marrocco e tutti i gruppi parlamentari che hanno arricchito il testo oggi approvato”, conclude Gadda.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

SENZA VERGOGNA, TUTTO TACE – Cristo si è fermato a Gerenzano. Esauriti anche i teli per coprire i tetti. 40 milioni di danni nel Comune dimenticato da Milano e Roma. Molteni: Non staremo zitti e buoni

Prossimo Servizio

La lettera – Scuola e Sud, il meridionalismo ai vertici del potere statale non da oggi…

Ultime notizie su Politica

Acqua: nel 2023 sparito un litro su cinque

di Gigi Cabrino – La siccità degli anni 2022 e 2023 continua a fare parlare, anche perché se il nord ha conosciuto periodi piovoso negli ultimi mesi non si può dire altrettanto

A Umberto Bossi il premio Rosa Camuna

Mercoledi’ 29 maggio, alle ore 17, a Palazzo Lombardia, in occasione della giornata in cui si celebra la “Festa della Lombardia”, verranno consegnati i ‘Premi Rosa Camuna’. Si tratta della piu’ alta
TornaSu

Don't Miss