Le amnesie della Salvini Premier sul reclutamento degli insegnanti di sostegno

Lettura 2 min

di Gigi Cabrino – Sarà l’ebbrezza di una vittoria elettorale data per certa ma uno strano fenomeno di perdita di memoria e sdoppiamento di personalità sta colpendo diversi esponenti della Salvini premier; l’on.Sasso, pugliese, esponente di spicco del nuovo corso della lega (ex nord) e sottosegretario all’istruzione è intervenuto a distanza di poche ore sul sistema di reclutamento dei supplenti e sugli insegnanti di sostegno.


“L’inaugurazione ufficiale dell’anno scolastico – ha esordito il sottosegretario al Ministero dell’Istruzione – celebra giustamente il ritorno in classe degli studenti senza le restrizioni a lungo imposte dalla pandemia. Ma abbiamo il dovere di non illudere la nostra comunità che tutto vada bene e non ci siano criticità.

Da giorni sono sommerso da segnalazioni sulla mancata copertura di cattedre di sostegno, cosa che sta costringendo gli alunni con disabilità a osservare orari di lezione ridotti. Avevo lanciato l’allarme già mesi fa: non è possibile che uno Stato civile neghi il diritto costituzionale all’istruzione a qualcuno perché non si riesce a colmare la distanza tra domanda e offerta di docenti specializzati‘.
E poi, sul sistema dell’algoritmo:“Per onestà intellettuale non posso trascurare il fatto che nell’ambito delle varie procedure che riguardano il reclutamento dei lavoratori della scuola si sono verificati numerosi problemi e la causa è stata principalmente una: l’algoritmo. Sto segnalando ormai da un mese ai competenti uffici errori e richieste di rettifiche. Non si può più andare avanti così e danneggiare il nostro personale”.


Bene, posizioni assolutamente da prendere in considerazione,Sasso ben conosce il mondo della scuola, risulta che abbia un passato da sindacalista del comparto scuola.
Ma sta protestando contro se stesso? No, perché risulta che entrambe queste situazioni siano riconducibili al ministero di cui è sottosegretario.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

Costantini, Cna: Incentivare autoproduzione energetica

Prossimo Servizio

Se la lotta di classe riparte da Reggio Emilia. Per "colpa" della mortadella

Ultime notizie su Politica