Landini, il nuovo fisco? Per redditi bassi vantaggio 6-7 euro al mese

Lettura 2 min

L’intervento sulle aliquote Irpef “determina che chi prende poco avra’ ben poco e ci sono esempi molto precisi. Lo dico a quei giornali che oggi, ho visto il Corriere, La Stampa, il Sole 24 ore, pubblicano delle tabelle: dite la verita’, non fate le percentuali, prendete le buste paga dei lavoratori e si vede che se hai 15 mila euro di reddito il vantaggio e’ poco meno di 6-7 euro lordi al mese. Di cosa stiamo parlando? Chi prende 5-6 volte, ha dei vantaggi di 7-800 euro l’anno. Questa e’ una ingiustizia”. Lo afferma Il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, dal palco della manifestazione per lo sciopero generale, rimarcando che “e’ il momento di tutelare i redditi e le pensioni basse, di chi non ce la fa”. “Lo dico anche ai giornali, all’informazione, alle televisioni: e’ l’ora di dare una informazione reale, di parlare del Paese reale, di dare numeri precisi, non di raccontare numeri”, afferma Landini. Gli 8 miliardi sul fisco, “e comunque ne servono di piu’ per fare una vera riforma fiscale – prosegue – abbiamo detto al governo che dovevano andare tutti ai lavoratori e ai pensionati, non al taglio dell’Irap e non a modificare le aliquote Irpef. Noi abbiamo avanzato una proposta precisa, bisognava decontribuire il lavoro e aumentare le detrazioni. Ma questo non e’ stato fatto”. Questa “e’ una manovra espansiva per chi, la ripresa e’ per chi?”, torna a domandare Landini, “a chi risponde questa manovra che finalmente comincia a redistribuire risorse?”. 

Servizio Precedente

Cartabellotta: la sfida ora è la persuasione per vaccinare i bambini. E su Povia positivo: mio commento è libertà d'espressione

Prossimo Servizio

Povertà sanitaria: in 600mila non comprano medicine. Fenomeno in crescita del 37%

Ultime notizie su Politica