La mossa Draghi – Detronizzati tutti (o quasi) i partiti. Salvini: “A questa persona non firmiamo cambiali in bianco”

Lettura 1 min

“Il problema non e’ il nome della persona. E io l’ho anche detto a questa persona. Il punto è che cosa vuole fare e con chi”. Il leader della Lega Matteo Salvini non si sbilancia su Mario Draghi. Intervistato dal Corriere della Sera, alla luce dell’appello del presidente Mattarella a tutte le forze politiche, ribadisce che “noi abbiamo cinque priorita’. E su queste decideremo. Per noi, si possono approvare rapidamente i decreti su queste priorita’, e poi andare al voto a maggio o giugno. Entro l’11 aprile si puo’ concludere il lavoro di approvazione delle misure urgenti per il Paese”. A Draghi, la Lega chiede “per prima cosa, un impegno a non aumentare in alcun modo le tasse. No alla patrimoniale, no agli aumenti dell’Imu. Chiunque voglia governare con la Lega, si chiami Draghi, Cartabia o Cottarelli, deve saperlo. E flat tax al 15 per cento e pace fiscale sulle cartelle esattoriali” e “no assoluto alla fine di quota cento”. Sottolinea che “il centrodestra si muovera’ compatto, siamo gia’ d’accordo. Non andremo in ordine sparso e sceglieremo il meglio per gli italiani. Ma sia chiaro che per ragionare con chiunque non firmeremo una cambiale in bianco. Se qualcuno non e’ d’accordo, amici come prima. E poi, ci vorrebbe un termine. Io vorrei festeggiare il primo maggio con un governo che lavora per cinque anni”. 

Servizio Precedente

Governo Draghi, Salvini sbuffa. Centrodestra diviso

Prossimo Servizio

Il fallimento della rappresentanza politica. Gli incapaci al potere messi all’angolo

Ultime notizie su Opinioni