A qualcuno non è bastata la lezione del vecchio Psdi. Dai grandi ideali alla caduta in disgrazia come piccolo comitato governativo…

3 Gennaio 2024
Lettura 1 min

di Roberto Gremmo – Era un partito con grandi ideali ed ha svolto un ruolo importante nella storia d’Italia ma alla fine è diventato un epicentro di uno scandalo, un piccolo comitato che sopravviveva solo perché governativo.

Parlo, se malignamente non si è capito, del Partito Socialista Democratico fondato da un idealista Turatiano come Saragat  e poi travolto dagli scandali di Tanassi (implicato nello scandalo Lockheed e rinviato a giudizio di fronte alla Corte costituzionale, nel marzo 1979 fu dichiarato decaduto dalla carica parlamentare e condannato a più di due anni di reclusione, ndr).

Subito dopo la guerra, il galantuomo piemontese Saragat salvò l’onore del movimento operaio italiano separando buona parte dei socialisti da quei loro compagni come Nenni e Pertini che diventando i gregari di Togliatti finirono per favorire i tentativi di ammiccare all’Urss, strategia poi fallita anche grazie alla loro battaglia.

La nascita del Partito Socialista dei Lavoratori con la scissione di palazzo Barberini e il rifiuto di aderire al garibaldinbaffonesco Fronte consegnarono Saragat alla storia come il difensore degli ideali migliori della tradizione democratica e libertaria.

Purtroppo, in poco tempo la polarizzazione della politica tolse gran parte dello spazio politico a Saragat ed al suo PSLI diventato PSDI, schiacciato fra Partito Comunista e Democrazia Cristiana.

Fallita l’affrettata unificazione degli anni Sessanta, il ritorno della socialdemocrazia come partito autonomo che pure vantava Saragat come presidente della Repubblica significò l’umiliante involuzione del PSDI che, ridotto nei consensi elettorali, pur di sopravvivere si rassegnò a diventare un piccolo sodalizio.

Triste destino per un partito italiano nato guardando al sol dell’avvenire e con limpidi ideali ma finito nel peggior destino del sottogoverno, sopravvivendo ai margini, ma inesorabilmente destinato ad essere schiacciato dal suo maggiore e più credibile alleato.

Una lezione per tutti.

Anche per quelli che con trasformistico camaleontismo hanno sbiadito i colori di un ideale?

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Saldi,

Prossimo Servizio

Cominelli: Ecco servita la Repubblica dell’ultimo dell’anno. La Patria? Non pervenuta nella testa degli italiani e dei loro politici

Ultime notizie su Opinioni

Ma davvero volete tassare pure le suore indiane?

di Stefania Piazzo – La nota che tre parlamentari di Italia Viva ci hanno inviato (onorevoli Gadda, Boschi e Fregolent) e che abbiamo pubblicato, fa accapponare la pelle. (qui la notizia: https://www.lanuovapadania.it/politica/legge-di-bilancio-arriva-la-tassa-sui-religiosi-extraeuropei-gadda-emendamenti-italia-viva-contro-contributi-quintuplicati-per-la-salute/)
TornaSu