Bertolaso annuncia campagna vaccini autunnali e piano per un biennio in Lombardia

Lettura 2 min

La Lombardia si sta gia preparando per la campagna vaccinale dei richiami autunnali dell’anno prossimo. A settembre, d’altronde, come ha ricordato Guido Bertolaso a margine dell’evento milanese ‘Salute Direzione Nord’, scade l’immunità per gli operatori sanitari e gli over 80. “Credo che non sia solamente la Regione che ci sta pensando. Sono convinto che anche a livello governativo si stia ragionando su cosa fare all’inizio dell’autunno. Gli scienziati di nostro riferimento condividono il nostro parere che sarà necessaria una dose di richiamo a partire dal nono mese dalla prima inoculazione”, spiega il consulente lombardo per la campagna vaccinale. Bisognerà cambiare, però, il sistema di somministrazione. “Come ha detto l’assessora al Welfare, Letizia Moratti, i grandi centri- aggiunge- dove oggi stiamo vaccinando 5.000-6.000 persone al giorno torneranno alla loro destinazione”. Bisognerà, quindi, coinvolgere ancora di più “il personale sanitario che ha la responsabilità delle attività di prevenzione: i farmacisti, i pediatri di libera scelta e tutte le aziende che giustamente vogliono vaccinare i dipendenti”. Secondo il consulente lombardo, “è abbastanza assodato che l’immunità che ti dà il vaccino dopo una certa quantità di tempo comincia a calare”. Proprio per questo motivo, “l’unico modo che si ha per tenere sotto controllo la diffusione dell’epidemia sarà quello dei richiami come si fa in molte altre patologie infettive”. Bertolaso promette che entro fino giugno la Lombardia “avrà pronta la sua campagna vaccinale di richiamo con tempi, procedure, modalità e costi definiti” e sostiene che “questo genere di attività debba essere sicuramente organizzata per un paio di anni”. 

Servizio Precedente

Caro Zaia, la Padania produttiva e libera nasce nell'autonomia dei Comuni. Nel Medioevo, non nel Rinascimento

Prossimo Servizio

Burioni, una sola dose in Gb una pessima idea

Ultime notizie su Lombardia