Odissea sul Frecciarossa Milano-Venezia. Ore fermi al buio e senza poter far passare aria

9 Giugno 2024
Lettura 1 min

Si è conclusa solo a notte fonda l’odissea dei passeggeri del Frecciarossa Venezia-Milano, rimasto bloccato per quattro ore nel Bresciano a causa di un guasto tecnico che ha anche portato a un’interruzione dell’elettricità a bordo. Il treno era partito da Venezia alle 17 di ieri ma poco dopo le 19, superata la stazione di Brescia, si è fermato all’altezza di Casirate d’Adda. Nei vagoni faceva molto caldo e tra i passeggeri in tanti hanno avvertito un forte disagio. “Siamo al buio da allora, senza aria condizionata e il caldo aumenta sempre più”, ha raccontato Giovanna, un medico che stava rientrando da un congresso. “Ci hanno dato acqua e snack, ma non possiamo scendere dal treno, né aprire le porte per far passare un po’ d’aria”, ha dichiarato al Tgr Lombardia.

“Abbiamo fatto chiamate a Trenitalia, carabinieri e ambulanze”, ha scritto un altro su Whatsapp, “pazzesco. Una sofferenza vedere anziani e bambini al limite…”. Dopo oltre due ore, alle 21,30, Trenitalia ha approntato un locomotore di soccorso ma il treno ha continuato a procedere molto lentamente finché non si è fermato di nuovo. Solo alle 23 è arrivato un altro convoglio che ha permesso ai passeggeri di raggiungere Milano intorno alla mezzanotte. Trenitalia ha fatto sapere di aver attivato subito l’intervento di soccorso provvedendo a prestare assistenza ai passeggeri, sia a bordo durante il fermo sia alla Stazione Centrale di Milano.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Chi produce Pil nel Paese? La macroregione del Nord è in testa. La parte spetta alle Pmi. La grande industria è indietro

Prossimo Servizio

Ultimo giorno di maratona elettorale, il timore della crescita a destra

Ultime notizie su Lombardia

TornaSu