La Germania non fa festa. E di conseguenza l’indotto italiano. Per le imprese il 2024 sarà peggiore di quello passato

5 Gennaio 2024
Lettura 1 min

 Tassi d’interesse elevati, economia globale debole , caos di bilancio: la maggior parte dei settori dell’economia tedesca è pessimista per l’anno prossimo. Secondo un sondaggio condotto dall’Institut der deutschen Wirtschaft / Istituto dell’economia tedesca (IW) su 47 associazioni imprenditoriali tedesche, 30 di esse descrivono la situazione attuale come peggiore rispetto all’anno precedente e solo nove prevedono un aumento della produttività per il prossimo anno. Le aziende particolarmente ad alta intensità energetica hanno una prospettiva negativa per il nuovo anno. A novembre e dicembre sono state intervistate 47 associazioni. Trenta di esse hanno valutato la loro situazione attuale addirittura peggiore rispetto a un anno fa. 

 Sei settori hanno valutato la loro situazione attuale come migliore, ad esempio l’industria del turismo, mentre undici l’hanno considerata invariata. Solo nove delle 47 associazioni imprenditoriali prevedono un livello di produzione più elevato nel prossimo anno, come l’industria farmaceutica e l’industria automobilistica, che indicano condizioni di produzione migliori. Tuttavia, nessuna associazione prevede un aumento significativo della produzione. Al contrario, 23 associazioni prevedono un calo della produzione o dell’attività, mentre 15 associazioni prevedono che i livelli di produzione rimarranno invariati.

Per un Paese come l’Italia, in cui l’export verso la Germania fa da traino al Pil, c’è poco da ballare. Se si ferma l’economia tedesca, l’indotto italiano va a gambe per aria.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Renzi: Il problema di Meloni è la squadra debole

Prossimo Servizio

Animali in Costituzione, dal Governo il bonus per le cure dei pet con proprietari in fascia Isee

Ultime notizie su Economia

TornaSu