Heineken, fuga dalla Russia di Putin. Stipendi per tutto 2022 ai dipendenti

28 Marzo 2022
Lettura 1 min

Heineken ha deciso di lasciare la Russia. L’azienda olandese produttrice di birra spiega in una nota che, “a seguito della revisione strategica delle attivita’ in Russia”, ritiene che la propria presenza nel Paese “non sia piu’ sostenibile ne’ praticabile nel contesto attuale”. Heineken che si aspetta una svalutazione e altri oneri eccezionali non-cash per un totale di circa 400 milioni di euro a seguito dall’uscita dalla Russia, punta a “un trasferimento ordinato” delle proprie attivita’ “ad un nuovo proprietario” senza, peraltro, trarne alcun profitto. Per garantire “la sicurezza e il benessere continuo dei dipendenti e per minimizzare il rischio di nazionalizzazione”, il gruppo ha quindi deciso di proseguire con attivita’ ridotte, come stabilito di recente, durante il periodo di transizione. In ogni caso Heineken garantisce che “i salari dei nostri 1.800 dipendenti saranno pagati fino alla fine del 2022 e faremo del nostro meglio per salvaguardare il loro futuro impiego”. In precedenza il produttore di birra aveva interrotto nuovi investimenti ed esportazioni in Russia, bloccato la produzione, la vendita e la pubblicita’ del marchio.

Immagine dal sito ufficiale Heineken

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

La Faz: Il regalo di Biden a Putin per allungare il conflitto

Prossimo Servizio

Complotto? Wsj, sintomi avvelenamento Abramovich e negoziatori Kiev

Ultime notizie su Economia

CNA: IL TAGLIO DEI TASSI NON BASTA ANCORA

di Gigi Cabrino – Gli imprenditori di CNA da tempo attendevano un’inversione di tendenza nella politica monetaria della BCE e il taglio dei tassi della settimana scorsa è stato accolto positivamente; tuttavia

BCE regala un piccolo taglio dei tassi

di Gigi Cabrino – Era atteso ed è arrivato il primo leggero taglio dei tassi.Nessuna sorpresa da Francoforte, nonostante la piccola recente fiammata dell’inflazione. Infatti il Consiglio direttivo della Bce ha deciso
TornaSu

Don't Miss