Energia, Movimento difesa cittadino: Penalità per recesso gas e luce sono nuova vessazione ai danni dei consumatori

3 Gennaio 2024
Lettura 1 min

Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) esprime “profonda preoccupazione” in merito alle recenti misure introdotte da ARERA che prevedono l’imposizione di penalità per il recesso anticipato da contratti di fornitura di energia elettrica e gas. Infatti, a partire dal 1° gennaio, i clienti domestici e le piccole imprese che desiderano cambiare fornitore prima della scadenza del loro contratto si troveranno a fronteggiare costi aggiuntivi. Una disposizione che si applica sia ai contratti a durata determinata, solitamente di 12 o 24 mesi a prezzo fisso, sia, in alcuni casi, ai contratti a tempo indeterminato con tariffe fisse per periodi specifici.

“In un momento delicato di transizione dal mercato tutelato a quello cosiddetto libero, con la cessazione, il 10 gennaio, delle tutele previste per il gas e, il 1° luglio, per l’elettricità, riteniamo che tali misure possano rappresentare una insidia per i consumatori”, dichiara il presidente del Movimento, Antonio Longo. MDC si unisce pertanto alle altre associazioni che hanno già espresso pareri critici e intenzioni di impugnare la delibera ARERA e sottolinea che le penalità imposte contrastano con il principio di un mercato veramente libero, limitando di fatto la mobilità dei consumatori e favorendo gli operatori a scapito degli utenti finali come già accaduto nel mercato della telefonia mobile. Per il Movimento si tratta di un vero e proprio regalo alle principali società energetiche che fa il paio con l’aumento in bolletta dell’IVA sul gas visto che il governo non ha prorogato l’applicazione dell’aliquota ridotta al 5% fino al 31 dicembre 2023.

“Dal 1° gennaio 2024, per il gas metano per usi civili e industriali, comprese le forniture di servizi di teleriscaldamento e le somministrazioni di energia termica prodotta con gas metano in esecuzione di un contratto di servizio energia (allegato II, dlgs 30 maggio 2008 n. 115), si tornerà ad applicare l’aliquota IVA ordinaria, che va dal 10 al 22%. Per il gas impiegato in usi civili si applica l’aliquota ridotta al 10% solamente ai primi 480 metri cubi all’anno, poi la percentuale è al 22%”, chiarisce Francesco Luongo portavoce ed esperto di MDC. Il Movimento si impegna dunque a vigilare attentamente sull’evoluzione della situazione, supportando i diritti dei consumatori e opponendosi a misure che possano compromettere la loro libertà di scelta e la sostenibilità economica.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Legge sulla caccia, Italia verso procedura d’infrazione. Oipa: Abbattimenti nelle aree protette contestati

Prossimo Servizio

Saldi, avanti piano. Ma si preferisce ancora la bottega all’online

Ultime notizie su Economia

TornaSu