Dove ci sta portando la Bce?

Lettura 1 min

di Gigi Cabrino – Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi è intervenuto sul tema delle strette monetarie di questi mesi; il timore espresso è che per contrastare l’inflazione non si favorisca la recessione rallentando gli investimenti.
“Ci aspettiamo nell’ultimo quadrimestre dell’anno una discesa dell’inflazione. Sarà una inflazione che sarà intorno al 5-6%. Di fronte a questa inflazione vediamo politiche della Bce che ci preoccupano perché abbiamo vissuto 10 anni di tassi negativi, il che era impensabile: quello che sta facendo la Bce sta andando oltre il giusto contrasto che deve essere fatto” e “non vorrei che per il contrasto all’inflazione si entrasse in recessione. La ricetta era giusta, l’operazione è andata bene ma il paziente è morto”.
Così Carlo Bonomi, presidente di Confindustria, intervenendo alla Conferenza nazionale delle Camere di commercio.
Per Bonomi, “abbiamo bisogno di due cose. La prima è sostenere i consumi, e guarda caso anche i consumi delle famiglie italiane stanno rallentando, ma soprattutto dobbiamo sostenere gli investimenti. Questo Paese non può fare a meno di investimenti. E se noi mettiamo una stretta al credito questo diventa un problema. Diventa un passaggio molto delicato”. Il presidente di Confindustria ha poi sottolineato: “Noi stiamo continuando come sistema Confindustria a chiedere al governo di fare interventi: uno stimolo forte agli investimenti, Industria 5.0, e sostenere i redditi bassi, il taglio del cuneo fiscale. Bisogna rimettere più soldi in tasca agli italiani, specialmente ai redditi bassi”. “Lo si può fare – ha osservato ancora – solo tagliando le tasse sul lavoro perché noi siamo un paese dove abbiamo più tasse sul lavoro che non su quelle sulle rendite finanziarie. Credo che sia qualcosa – visto che si parla di delega fiscale – su cui bisogna lavorare”.
“Con il Pnrr abbiamo una grande opportunità. Tra Pnrr e il nuovo settennato dei fondi di coesione, parliamo di quasi 400 miliardi nei prossimi anni: è un’occasione che l’Italia non può perdere. ‘Dobbiamo stare tutti alla stanga’ ci ha richiamato il presidente Mattarella. De Gasperi aveva detto” quella frase “in un momento in cui l’Italia doveva essere ricostruita nel dopoguerra dopo le macerie: il momento è diverso ma l’opportunità del Paese è la stessa, il monito del presidente della Repubblica non può cadere”. Così Carlo Bonomi.

Gigi Cabrino nato a Casale Monferrato (AL) nel 1977, laureato in economia aziendale, in Teologia e specializzato in servizi socio sanitari, padre di quattro figli. Consigliere comunale a Villanova Monferrato per due mandati a cavallo del secolo scorso e a San Giorgio Monferrato dal 2019. Lavoro nella scuola pubblica da alcuni anni come insegnante prima e tra il personale non docente poi. Atleta di fondo e mezzofondo da sempre.

Servizio Precedente

L’Italia deve farsi restituire 400 milioni di prestito da Alitalia. Tanto abbiamo pagato noi 519 euro a famiglia

Prossimo Servizio

Quanto costa un migrante illegale? La Chiesa spiega come si fanno quadrare i bilanci dei Comuni?

Ultime notizie su Economia