Confesercenti, per le attività siamo in un lockdown di fatto

13 Gennaio 2022
Lettura 1 min

 “Il lockdown c’è nei fatti. Basta guardare negozi, bar, ristoranti, parrucchieri: la gente auto-impone di rimanere a casa. Il risultato è che commercio, turismo e servizi sono tornati drammaticamente a soffrire”. Lo afferma la presidente di Confesercenti Patrizia De Luise ina una intervista al Corriere della Sera. “Siamo di fronte a un’emergenza, un intervento è necessario. Anche perché la chiusura in massa di molte attività di prossimità sarebbe una perdita per il Paese”. Occorre, aggiunge, “prima di tutto un rinnovo delle moratorie fiscale e creditizia. E poi ristori. Oltre al rinnovo della cassa Covid per i dipendenti” e “credo si possa pensare a interventi su misura che tengano conto della tipologia e della situazione dell’impresa. Per esempio, tra le realtà che hanno più bisogno ci sono agenzie di viaggio, discoteche, alberghi e ristoranti delle città storiche”. Quarantene e contagi tra i dipendenti rischiano di costringere le piccole imprese alla chiusura? “In alcuni casi sta già avvenendo. Temo che visto l’andamento dei contagi la situazione peggiorerà nei prossimi giorni. Serve un sistema di tamponi più rapido per non ritardare il rientro di chi è in quarantena” e “vista l’emergenza in cui ci ritroviamo ora, però, il vaccino obbligatorio va preso in considerazione”.

IL GIORNALE

Direttrice: Stefania Piazzo
La Nuova Padania, quotidiano online del Nord.
Hosting: Stefania Piazzo

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Servizio Precedente

Picco di contagi atteso a febbraio, con l’incognita di nuove varianti

Prossimo Servizio

Peste suina, l’Enci decreta lo stop di tutte le attività sul campo in 5 Regioni nel Centro Nord: Lombardia, Piemonte, Liguria, Toscana, Emilia Romagna

Ultime notizie su Economia

Verso la riforma fiscale. Sanzioni dal 240 al 120%

Sanzioni dimezzate, dall’attuale 240% al 120%; introduzione del principio di proporzionalità rispetto al tipo di omissione o illecito commesso dal contribuente, con l’introduzione di un parametro di riferimento fissato al 70%. Arriva

Il governo, redditometro atto dovuto

“Era un atto dovuto, una misura su cui si è soffermata la Corte dei Conti, che sottintendeva anche un possibile danno erariale per la mancata adozione dei criteri induttivi, sospesi dal 2018,
TornaSu

Don't Miss