Che botta, l’inflazione. Fino a 3mila euro in più a famiglia

Lettura 2 min

 Secondo i dati definitivi di giugno resi noti oggi dall’Istat, l’inflazione sale su base annua dal +6,8% di maggio all”8%, confermando la stima preliminare. “Italia nei guai! Un’emergenza nazionale che in assenza di un Governo in carica non può che aggravarsi ulteriormente. Il taglio delle accise dei carburanti ad esempio scade il 2 agosto, il che vuol dire che dal 3 agosto, tra meno di 20 giorni, la benzina arriverà, per il self service, stando agli ultimi dati Mite, al record storico di 2 euro e 33 cent, mentre il gasolio a 2 euro e 29 cent, mentre per il servito si raggiungerà il primato di 2 euro e 46 cent per la benzina e 2 euro e 42 cent per il diesel, con devastanti ripercussioni sui costi di trasporto e di distribuzione dei prodotti, soprattutto alimentari, che si infiammerebbero ulteriormente. Entro il 30 settembre, poi, va fatto un nuovo intervento sulle bollette di luce e gas, altrimenti dal 1° ottobre scatterebbe nel quarto trimestre una stangata tale da mandare definitivamente sul lastrico le famiglie meno abbienti” denuncia Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. 

 “Secondo i dati Istat di oggi, anche l’energia elettrica nel mercato libero è ormai esplosa con un rialzo rispetto a maggio del 7,6% e un incremento tendenziale dell’87,5%, che equivale per una famiglia media ad un rincaro annuo pari a 553 euro”, prosegue Dona. “L’inflazione a +8% significa, per una coppia con due figli, una batosta complessiva, in termini di aumento del costo della vita, pari a 2.658 euro su base annua, 1.061 per Abitazione, acqua ed elettricità, 600 euro per i Trasporti, 692 per prodotti alimentari e bevande, 714 per il carrello della spesa. Per una coppia con 1 figlio, la mazzata totale è pari a 2.469 euro, 999 per l’abitazione, 562 per i trasporti, 625 euro per cibo e bevande. In media per una famiglia il rialzo annuo è di 2.082 euro, 963 per l’abitazione, 396 per i trasporti, 508 euro per mangiare e bere. Ma il record spetta alle famiglie numerose con più di 3 figli con una scoppola pari a 2.978 euro, 827 solo per il cibo” conclude Dona.

Servizio Precedente

VACCINO. SPERANZA: SENTENZA FIRENZE UNA VERGOGNA, SENZA EVIDENZE SCIENTIFICHE

Prossimo Servizio

Ventilazione nelle scuole, "Linee guida non dicono nulla"

Ultime notizie su Economia